Il Fisco con le successioni e le donazioni continua a mettere le mani nelle tasche degli italiani ormai quasi vuote mentre Draghi dice che non è il momento

Da un rapporto dell’OCSE emerge che la tassa di successione e donazione in Italia è bassa rispetto agli altri paesi europei. Quindi, in Italia costa meno e non riempie a sufficienza le casse dello Stato. E da qui nasce l’ipotesi di un possibile aumento nell’ottica di una ripresa economica. Ma il Fisco con le successioni e  donazioni continua a mettere le mani nelle tasche degli italiani ormai quasi vuote mentre Draghi dice che non è il momento. Da alcuni punti di vista le ricchezze sono concentrate nelle mani di poche persone e aumentare questa tassa potrebbe dare una svolta importante alle diseguaglianze sociali.

In Italia ci sono regole ben precise, infatti bisogna fare attenzione alle donazioni perché la tassa varia in base al grado di parentela.

Prestiti 2021

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 5051 - 6566+

Clicca sull'età

Prestiti 2021

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 50

51 - 65

66+

Clicca sull'età

Il Fisco con le successioni e  donazioni continua a mettere le mani nelle tasche degli italiani ormai quasi vuote mentre Draghi dice che non è il momento

La tassa di donazione e successione è posta sotto i riflettori e a dare maggiore spinta su un possibile aumento è il rapporto dell’OCSE.

I dati del rapporto mettono la tassa di donazione e successione, al centro di una questione politica ed etica, oltre all’aspetto finanziario.

Inoltre, l’incremento delle entrate nelle casse dello Stato contribuirebbe ad una diminuzione delle disuguaglianze e una corretta distribuzione dei patrimoni.

L’OCSE lancia l’allarme

Attualmente le entrate derivanti da questa tassa sono inferiori allo 0,2%. Secondo il rapporto dell’OCSE negli altri stati la situazione è molto diversa. Ad eccezione del Portogallo dove la tassa non esiste, e Polonia, Ungheria, Slovenia e Lituania che rilevano una situazione peggiore dell’Italia.

L’OCSE lancia un segnale di riflessione, ma Draghi al momento non sembra accogliere tale segnale. I contribuenti italiani sono già troppo provati e un aggravio di tasse non li aiuterebbe.

Il Governo ha molte problematiche da risolvere e  l’aumento della tassa di successione e donazione non troverebbe riscontro. Sicuramente ci saranno dei cambiamenti ma rientreranno in un pacchetto più ampio e ben definito .

Consigliati per te