I limiti per le spese di pubblicità e sponsorizzazione

Le spese di pubblicità hanno il fine di esaltare le caratteristiche dei prodotti, al fine di incrementare le vendite e sono completamente deducibili.

Le spese di pubblicità sono deducibili nell’esercizio in cui sono state sostenute.

Prova il Trading iBroker in TradingView con una Demo Gratuita e dati in tempo reale.
Attivabile subito.

PROVALA ORA!

Nella pratica occorre, ai fini del concetto di inerenza, che le stesse siano parte del costo attribuito alla filiera produttiva, partecipando quindi, come “conditio sine qua non”  alla produzione degli introiti.

Le spese di sponsorizzazione

Le spese legate alle sponsorizzazioni sono quelle spese legate ad un rapporto creato tra sponsor e sponsorizzato.

Lo sponsorizzato  si obbliga nei confronti dello sponsor ad effettuare determinate prestazioni pubblicitarie dietro versamento di un corrispettivo.

Ai fini della deducibilità, è necessario che il contribuente dimostri, la congruità dei costi sostenuti ecco appunto i limiti per le spese di pubblicità e sponsorizzazione.

Occorre  anche la loro idoneità ad ampliare le prospettive di crescita dell’impresa nell’ambito territoriale.

Non è sufficiente che la spesa sia debitamente documentata.

Occorre che ne sia comprovata l’inerenza sotto lo specifico profilo del concreto vantaggio che nello specifico contesto territoriale ne possono ritrarre le attività del contribuente in termini di allargamento della clientela e di incremento dei ricavi.

Esse si caratterizzano dall’esistenza di un rapporto sinallagmatico (contratto bilaterale a prestazioni corrispettive).

In base a tale contratto lo sponsor si obbliga ad una prestazione in denaro o in natura e il soggetto sponsorizzato si obbliga a pubblicizzare e propagandare il prodotto, i servizi, il marchio e l’attività svolta dallo sponsor.

Quindi le spese di sponsorizzazione per essere qualificate come spese di pubblicità ed essere integralmente deducibili devono:

  • avere come scopo quello di reclamizzare un prodotto o il marchio o il nome dell’impresa;
  • essere corrisposte a fronte di un obbligo sinallagmatico del beneficiario

I limiti per le spese di pubblicità e sponsorizzazione

Dopo un lungo periodo di incertezze sull’imputazione come spese pubblicitarie (a deducibilità piena) e  delle spese di sponsorizzazione sportiva, la previsione apparentemente aveva chiarito il problema.

La norma sembrava stabilire, almeno per le sponsorizzazioni di valore non superiore ai 200.000 euro, una sorta di presunzione assoluta in favore della spesa pubblicitaria.

Su tale norma la Cassazione aveva confermato tale orientamento.

Su questa situazione, apparentemente consolidata, si pone una recente ordinanza (Corte di Cassazione – sez. V – Ordinanza n. 1326 del 2019  che sembra rimettere in discussione il principio.

Entro tali limiti opera la presunzione ex lege, che è una presunzione di deducibilità, non di inerenza.

Qualora l’Erario contesti in radice l’inerenza dei costi e quindi l’esistenza di un presupposto di deducibilità, il contribuente è gravato dell’onere di fornire prova della congruenza ed inerenza di tali costi.

Tanto non significa che “cade” la presunzione legale di deducibilità ma che essa non “scatta” qualora sono dubitati gli elementi costitutivi.

Come esperti di Fisco ed Economia di  ProiezionidiBorsa suggeriamo di monitorare bene la congruità e l’inerenza in termini di allargamento della clientela e di incremento dei ricavi .

Approfondimento

Sconti e  agevolazioni

BNP Turbo Unlimited
BNP Turbo Unlimited

Consigliati per te

Ricevi un e-book in omaggio!

Basta inserire la tua mail per scaricare subito il nostro e-book
QUESTA È LA VITA DA TRADER!

Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo il GDPR 2016/679 UE per le comunicazioni da parte di Proiezionidiborsa S.r.l. in relazione alle iniziative proprie e/o di società controllate e/o collegate. Dichiaro, inoltre, di aver preso visione della Privacy Policy.