Guadagnare sul rialzo del rame, ecco come fare anche con pochi soldi

Il blocco del Canale di Suez sta creando un problema molto grave per il settore delle materie prime. Un preoccupante blocco sulle forniture di una decina di commodities che sta causando un forte rialzo di prezzo per alcune referenze particolari come il rame

Ecco in dettaglio cosa sta succedendo, le notizie sono raccolte da Noi della Redazione Commodities di Proiezioni di Borsa. E vediamo come anche i piccoli risparmiatori possano cogliere il nuovo incredibile rally del rame.

INVESTI NEL MERCATO IMMOBILIARE CON UN RENDIMENTO POTENZIALE FINO AL 13,13%
Puoi partire da soli 500 euro!

SCOPRI DI PIÙ

Tutte le materie prime sono cresciute di prezzo nell’ultimo anno

Negli ultimi mesi l’aumento dei prezzi delle materie prime è stato rilevante, da quelle alimentari come riso, soia e frumento, fino al mais che è tornato a correre in questi giorni sempre per la questione Suez.

Ma sono tornati a segnare valori massimi cobalto, nichel, rame. I fattori che hanno determinato questa corsa sono diversi: la maggior difficoltà a far viaggiare le merci durante la pandemia ha portato a un incremento dei costi di noleggio dei container, che per alcune merci è triplicato e quadruplicato.

Inoltre, sono aumentati i Paesi dipendenti dall’export di energia e più che raddoppiati quelli dipendenti dall’export di minerali passati da 14 a 33 nell’ultimo decennio.

Le manovre speculative degli ultimi giorni

Negli ultimi giorni, dopo i fatti di Suez sono emerse manovre speculative sul rame molto preoccupanti. Non abbiamo a che fare con i soliti aggiustamenti economici, ma con scostamenti di prezzo sui prodotti pari a un terzo di quello corrente e in alcuni casi anche oltre il 100%.

In pochissimi mesi da novembre 2020 a febbraio 2021 i prezzi dei manufatti in rame sono saliti anche del 130%. E purtroppo le previsioni non fanno sperare in un’inversione del trend. Molte imprese, già in grande sofferenza finanziaria e patrimoniale, sono soffocate dal dover onorare contratti assunti durante una congiuntura precedente, caratterizzata da quotazioni più basse.

Alcuni fornitori hanno cominciato a non rispettare i contratti, evocando causa di forza maggiore. La situazione più grave è quella che si riflette sul settore metalmeccanico e dell’edilizia. Alcuni brand hanno rivisto la produzione di elettrodomestici per mancanza di componenti in rame e acciaio.

Nuove policy ambientaliste anche nelle big dell’auto

Guadagnare sul rialzo del rame: ecco come fare anche con pochi soldi. Questo rally che secondo Noi del Team Commodities di ProiezionidiBorsa, porterà il prezzo del metallo rosso a salire ancora nei prossimi 5-10 anni.

Non solo a causa dell’aumento della richiesta, ma per i costi estrattivi sempre più alti. Diminuiranno anche i siti disponibili, a causa della maggior diffusione dell’economia green e di protocolli di difesa ambientali che saranno sottoscritti da imprese che utilizzano rame. Di recente il WWF ha convinto un pool di top brand come BMW, Volvo e Samsung a non acquistare metalli provenienti da miniere che sventrano i fondali marini.

Guadagnare sul rialzo del rame, ecco come fare anche con pochi soldi

Attualmente i piccoli risparmiatori possono decidere di investire, ponderando bene costi e rischi, su un nuovo picco del rame da qui all’estate.

Possono comprare un contratto future sul rame (quello per la consegna di maggio è scambiato intorno a 4,0152 dollari per libbra). Possono acquistare i titoli delle multinazionali dell’estrazione, guardando bene nella scheda di presentazione quanto del loro business è dedicato al rame.

Anglo American PLC offre i fondamentali migliori per chi punta alla speculazione, insieme a KGHM Polska Miedz S.A. presenta un business estrattivo diversificato. Idem se si guardano i conti del colosso Rio Tinto PLC.

Altri, invece, come Freeport MC, Southern Copper e First Quantum Minerals hanno l’estrazione del rame come core business (dal 79% all’84%).

Per chi non se la sente di rischiare troppo, ci sono gli ETF dedicati al settore Mining come iShares MSCI Global Metals & Mining Producers. Replica l’andamento dell’indice che contiene i maggiori miners mondiali di materie prime industriali. Più specifico sui miners del rame è il Global X Copper Miners ETF.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili QUI»)

Consigliati per te