Gli assegni di questi pensionati porteranno 414 euro in più nel 2022 grazie al taglio IRPEF e queste 2 belle novità

Senza dubbio il 2022 è stato foriero di belle novità sul fronte pensioni. Da gennaio, e a più riprese, i cedolini hanno conosciuto spesso dei ritocchi al rialzo. Si è trattato del combinato disposto di (almeno) tre novità che nel complesso hanno fatto la felicità degli interessati.

Analizziamo in questa sede il caso di un vitalizio annuo lordo, al 31 dicembre 2021, di 15 mila euro lordi. Scopriremo che gli assegni di questi pensionati porteranno 414 euro in più grazie alle novità che adesso illustreremo.

Prestiti 2022

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 5051 - 6566+

Clicca sull'età

Prestiti 2022

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 50

51 - 65

66+

Clicca sull'età

I 3 fronti che hanno determinato gli aumenti nel 2022:

  • della perequazione degli importi lordi, dovuti all’adeguamento all’aumentato costo della vita. Il decreto MEF dello scorso novembre ha stabilito che per il 2022 il rialzo fosse pari all’1,70%, salvo conguaglio a fine anno. Pertanto, non sono da escludere altri futuri adeguamenti, considerata l’elevata inflazione di questi mesi.

A titolo di esempio abbiamo già visto come si calcola la perequazione su un vitalizio da 2.500 o 3.500 euro lordi mensili;

  • la Legge di Bilancio ha introdotto le nuove aliquote IRPEF, passate dalle vecchie 5 alle attuali 4. Nel dettaglio, esse sono pari al 23% fino a 15mila euro, al 25% sino a 28mila euro, al 35% fino a 50mila e al 43% per la quota di reddito eccedente i 50.001 euro;
  • infine, abbiamo gli aumenti legati alle nuove detrazioni per il reddito, che spettano per importi fino a 50mila euro. Al riguardo abbiamo già visto come si dividono e si calcolano a seconda del reddito percepito.

Gli assegni di questi pensionati porteranno 414 euro in più nel 2022 grazie al taglio IRPEF e queste 2 belle novità

Il primo aumento da considerare riguarda la perequazione dell’1,70% sull’importo lordo percepito alla data del 31 dicembre 2021. Nel nostro caso, quindi, avremo:

euro 15.000 + [euro 15.000 X 0,017%] = euro 15.255.

A questo punto scattano gli aumenti legati alla nuova IRPEF e le nuove detrazioni. La nuova IRPEF lorda è pari 3.513,75 euro, cui vanno sottratte le detrazioni e il cui importo è di 1.520,25 euro. Adesso abbiamo tutti i dati per calcolare la pensione netta annua del 2022, che si attesta a 13.261 euro. Se consideriamo che il totale netto nel 2021 è stato par a 12.847 euro, scopriamo appunto che l’aumento annuo è pari a 414 euro.

Infine, una dovuta precisazione. Per ovvie ragioni, i nostri calcoli non considerano le addizionali locali e regionali, né i carichi famiglia, variabili da caso a caso.

Approfondimento

Ecco quanto aumenta l’assegno di una pensione annua di 25.000 euro grazie alla riforma IRPEF e le nuove detrazioni.

Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»)

Consigliati per te