Gita gastronomica e culturale? Niente è come Firenze

Gita gastronomica e culturale? Niente è come Firenze. Tappa immancabile dei Grand Tour del Settecento e dell’Ottocento, Firenze è universalmente nota per l’arte, l’architettura e la cucina. Ma lo è soprattutto per aver ospitato e consentito l’origine e il realizzarsi di un’autentica rivoluzione: il Rinascimento.

Sei alla ricerca di una meta veloce da raggiungere dove effettuare una gita gastronomica e culturale? Firenze fa al caso tuo

Iscritto alla lista dei patrimoni dell’Umanità dall’Unesco nel 1982, il centro storico di Firenze è “una  realizzazione artistica unica  nel suo genere, un capolavoro d’opera”. Equiparabile soltanto al centro storico di Roma per la sua ricchezza, ospita ancor oggi viuzze e strade che conservano intatto l’aspetto del suo passato.

Delimitato dalle parti restanti delle mura urbane, costruite nel Trecento, alcune tra le sue porte e i suoi torrioni sono ancor oggi visibili.

L’imbarazzo della scelta

Non esiste luogo al mondo in grado di offrire una così vanta esperienza di visita in poco spazio come Firenze. Tra il Duomo e le chiese, Palazzo Pitti, gli Uffizi o i Musei del Bargello: come districarsi nel corso della nostra gita gastronomica e culturale?

Da Florentia a Firenze

Piccolo insediamento etrusco prima e romano poi, è nel corso del medioevo che la città seppe ritagliarsi un posto di prim’ordine tra le potenze europee. La produzione tessile e il commercio, unitamente alla fervente attività religiosa, garantirono a Firenze la base per fiorire e prosperare.

La sua epoca d’oro è il Quattrocento, secolo nel corso del quale si guadagnerà la fama di essere la “culla del Rinascimento italiano” e mondiale.

La Silicon Valley del Rinascimento

Spesso equiparata alla moderna Silicon Valley, la Firenze di fine Quattrocento e inizio cinquecento è una fucina di talenti e d’innovazione senza eguali nella storia. Basti pensare che, passeggiando per le vie del centro storico, era possibile incontrare contemporaneamente Michelangelo, Leonardo, Raffaello e Botticelli. Per citarne solo alcuni tra i più famosi.

La Firenze odierna è lo straordinario frutto di un processo di aggregazione di stili architettonici durato oltre cinque secoli e mantenuto intatto in quelli a seguire. Circondata dalle colline e attraversata dall’Arno, lo sky scanner di Firenze, ben visibile dal Belvedere, è immediatamente riconoscibile. Dominano la Cupola del Duomo, la seconda più grande al mondo dopo quella di San Pietro a Roma, e il Ponte Vecchio, ricostruito nel Quattrocento.

Ci chiedevamo: come districarci nel corso della nostra gita gastronomica e culturale? Forse la soluzione più indicata e low cost è proprio quella di passeggiare per Firenze col naso all’insù, senza avere una meta prestabilita. E lasciarsi andare nei piaceri del cibo. Un panino col lampredotto al Mercato Centrale o una bella costata alla fiorentina in una delle numerose trattorie: cosa esiste di meglio?

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»)

Consigliati per te