Finalmente svelata la ricetta per creare un portentoso biofertilizzante che renderà il nostro orto ricco e rigoglioso come non mai

I grandi coltivatori lo sanno, esistono due approcci principali nella coltivazione delle piante: il metodo più diffuso è sicuramente quello di utilizzare i prodotti venduti in commercio, pensando solo al risultato immediato. Esiste, però, anche un metodo naturale dove si utilizzano dei preparati, spesso autoprodotti, che aiutano la pianta a crescere forte e resistente.

In questo articolo vedremo come preparare un prodotto liquido, ricco di elementi nutritivi e di ormoni vegetali da spruzzare su foglie, fiori e prato. Ecco allora, finalmente svelata la ricetta per creare un portentoso biofertilizzante che renderà il nostro orto ricco e rigoglioso come non mai.

Tutto l’occorrente

Per la preparazione:

  • bidone da 150 litri con tappo ermetico;
  • raccordo passa parete;
  • tubo in gomma;
  • bottiglia d’acqua.

Per il biofertilizzante:

  • 40 kg di letame;
  • 2 kg di zucchero;
  • 200 gr di lievito di birra;
  • pasta madre;
  • 3 litri di latte;
  • 2 kg di cenere.

Come preparare il nostro biofertilizzante

Per preparare il nostro fertilizzante sfrutteremo un processo di fermentazione anaerobica, cioè senza ossigeno. Quindi, per fare questo dovremo fissare il raccordo passa parete al bidone e, a questo, attaccare il tubo che collegheremo alla bottiglia di plastica piena d’acqua: in questo modo i gas prodotti dalla fermentazione potranno uscire mentre l’acqua impedirà all’aria di entrare.

Per iniziare riempiamo metà del bidone con acqua, uniamoci il letame e la cenere e poi mescoliamo il tutto per bene.

In un secchio a parte sciogliamo lo zucchero in 10 litri di acqua tiepida, alla quale aggiungeremo la pasta madre, il latte e il lievito di birra. Una volta che avremo amalgamato il composto, versiamolo nel bidone e aggiungiamo acqua fino anche non rimangano solo 20 cm dal bordo. Chiudiamo il bidone con il tappo ermetico e immergiamo immediatamente l’estremità del tubo nella bottiglia piena d’acqua.

Perché il prodotto sia pronto dovranno passare minimo 30 giorni, cioè quando il gas non uscirà più dal tubo. Ecco allora che dopo un massimo 40 giorni il nostro biofertilizzante sarà pronto: basterà allora allungare il prodotto con acqua (in proporzione 1 a 10) e spruzzarlo sulle foglie o sui frutti delle nostre piante. I risultati saranno strabilianti.

Abbiamo allora visto finalmente svelata, la ricetta per creare un portentoso biofertilizzante che renderà il nostro orto ricco e rigoglioso come non mai.

Approfondimento

Qualche semplice consiglio vincente per un’esplosione di gusti e colori piantando peperoni e peperoncino in balcone

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo i comportamenti dei nostri lettori nei confronti di utensili presenti in casa o in giardino. Per questo motivo si raccomanda di utilizzare la massima cautela ed attenzione con attrezzi per la casa e il giardino per evitare di creare spiacevoli incidenti. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riportate QUI»)

Consigliati per te