Ecco le malattie che un cane riesce a sentire quando annusa il corpo del padrone

Si potrebbe avere qualche difficoltà a credere che alcuni animali siano in grado di riconoscere la presenza di patologie e tumori nell’organismo umano. E ciò nonostante vi sono resoconti ed evidenze scientifiche che attestano in alcuni cani la capacità di diagnosticare addirittura i tumori. La prima ricerca scientifica sull’abilità diagnostica dei cani risale ad un decennio fa ed è apparsa sul British Medical Journal. Attraverso un addestramento mirato i cani dell’esperimento riuscivano talvolta ad individuare la presenza di tumori alla vescica fiutando i campioni di urine dei pazienti. Con ciò non si intende dire che i cani possano diagnosticare con assoluta certezza, senza margini di errore e in ogni circostanza l’insorgenza del cancro.

Piuttosto ecco le malattie che un cane riesce a sentire quando annusa il corpo del padrone e in quali casi conviene avviare indagini cliniche. Così come conviene ad alcuni soggetti procurarsi un animale domestico che oltre a fare compagnia si rivela un valido aiuto in molte circostanze. Non a caso la Redazione ha spiegato “Come ottenere la detrazione di 1.000 euro per il mantenimento del cane”.

Ecco le malattie che un cane riesce a sentire quando annusa il corpo del padrone

Le abilità olfattive dei cani sono talmente elevate da riuscire ad individuare non solo le urine dei pazienti affetti da tumore, ma anche altre patologie. Alcuni cani riescono infatti a fiutare la presenza di livelli troppo bassi di glucosio nel sangue e di malattie diabetiche. Allo stesso modo a seguito di un addestramento alcuni cani sono capaci di prevedere l’arrivo di una crisi di narcolessia tramite la traspirazione della pelle. E ancora vi sono dei cani che grazie ad una minima alterazione chimica del corpo umano riconoscono l’arrivo di una crisi epilettica o delle convulsioni. Anche una variazione dei livelli di serotonina non sfugge all’olfatto di alcuni cani che quindi riescono a prevedere di almeno 2 ore un attacco di emicrania. Ricordiamo infatti che proprio da un improvviso innalzamento dei valori della serotonina scaturiscono molte forme di emicrania cronica.

Gli studi scientifici attualmente a nostra disposizione non sono tuttavia sufficienti a ritenere che i cani possano ritenersi degli strumenti diagnostici del tutto validi  e affidabili. Più semplicemente si potrebbe prestare maggiore attenzione ai segnali che il quadrupede potrebbe inviare annusando con insistenza una zona del nostro corpo.

Approfondimento

Quanto si spende al mese per mantenere un cane di piccola o media taglia?

Consigliati per te