Ecco i dettagli per non perdere i 100 euro a settimana per queste famiglie disagiate

Ecco finalmente la circolare INPS n. 58/2021, contenente le istruzioni contabili e tutti i dettagli del nuovo bonus baby-sitting previsto dal Decreto Legge n. 30/2021. Ecco, di seguito, i dettagli per non perdere i 100 euro a settimana per queste famiglie disagiate.

Per i bonus previsti dall’art. 2 del Decreto Legge n.30/21 sono riconosciuti 282,8 milioni di euro per il 2021. Sulla base delle domande pervenute, l’INPS provvederà al monitoraggio comunicandole al Ministero del Lavoro e al Ministero dell’Economia e delle Finanze. Nell’ipotesi di un superamento del limite di spesa, l’Ente procederà al rigetto.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
XW 6.0, lo smartwatch di ultima generazione ad un prezzo incredibile.

SCOPRI DI PIU’

Smartwatch

Come ribadito nell’articolo “Corsa alla domanda online per il bonus baby-sitter e per non perdere 100 euro a settimana”, dall’8 aprile la domanda è online. Il Decreto Legge, infatti, per fronteggiare la pandemia, ha previsto nuove tutele per il 2021 per genitori con figli in quarantena o DAD. Ovvero in materia di lavoro agile, congedi per genitori, erogazione bonus per servizi baby-sitting in ipotesi di DAD, quarantena o infezione da Covid del minore.

Ecco i dettagli per non perdere i 100 euro a settimana per queste famiglie disagiate

Possono fruirsi più bonus per servizi di baby-sitter, fino ad un massimo di 100 euro a settimana, per genitori di figli conviventi minori di anni 14. Il requisito della convivenza si verifica mediante l’Anagrafe nazionale. In ipotesi di sospensione dell’attività didattica in presenza, nella domanda dovrà indicarsi il codice meccanografico della scuola, partita IVA, scuola e classe.

Il bonus può erogarsi alternativamente ad entrambi i genitori, purché non ricorra nelle stesse giornate della settimana prescelta, una delle seguenti ipotesi:

  1. l’altro genitore non svolga attività lavorativa, o sia sospeso dal lavoro o beneficiario di altre misure a sostegno del reddito;
  2. i genitori abbiano fruito del congedo di cui ai commi 2 e 5 dell’art.2 del Decreto Legge n. 30/21;
  3. la prestazione lavorativa sia svolta in modalità agile.

Requisiti per ottenere il bonus baby-sitter

Il suddetto bonus ammonta al limite massimo di 100 euro alla settimana. Qualora nel nucleo familiare vi siano più minori, si potrà percepire il bonus per tutti i minori presenti, formulando più domande. I bonus sono erogati mediante il Libretto Famiglia. Per poterne fruire il genitore utilizzatore ed il prestatore devono prima registrarsi sulla piattaforma delle prestazioni occasionali, sul sito web dell’INPS.

L’utilizzatore deve effettuare l’appropriazione del bonus ed effettuare la rendicontazione delle prestazioni effettivamente svolte. Le prestazioni baby-sitting che potranno essere remunerate mediante il Libretto Famiglia sono quelle svolte dal primo gennaio 2021 al 30 giugno 2021. Il genitore beneficiario potrà comunicare le prestazioni svolte sulla piattaforma delle prestazioni occasionali entro il 30 settembre 2021.

Inoltre, si possono impiegare soggetti con cui si abbia in corso o cessato da meno di 6 mesi un rapporto di collaborazione coordinata e continuativa. Ma non si possono remunerare con il bonus i familiari che prestano servizi di baby-sitting. Ecco quindi, illustrati, tutti i dettagli per ottenere e per non perdere i 100 euro a settimana per queste famiglie disagiate.

Consigliati per te