Ecco come fare una perfetta talea delle rose con un radicante a sorpresa

È iniziato l’autunno e nei nostri giardini si sta già assistendo a un cambiamento. Le piante primaverili stanno ormai vivendo i loro ultimi giorni, i bellissimi fiori di surfinie e petunie sono ormai un ricordo. Anche gli alberi da frutto iniziano a perdere le prime foglie. Eppure, ci sono ancora alcune specie che non si arrendono alla fine dell’estate e continuano a produrre fiori. Sono le piante di rose, a cespuglio o rampicanti, ad arbusto o striscianti, tutte comunque fioriscono ancora, nonostante la stagione migliore sia passata. Ciononostante, bisogna già proiettarsi sulla prossima primavera e, per fare questo, quale operazione migliore della talea?

Utilizzando le rose presenti nel giardino, già sappiamo come la pianta reagisce al clima, quindi, se la talea riuscirà, avremo sicuramente una sorella in più. Purtroppo, non è scontato che l’operazione riesca sempre, ma se fatta con attenzione, i risultati sono solitamente buoni.

Ecco come fare una perfetta talea delle rose con un radicante a sorpresa

Per la riproduzione per talea, il primo passo da compiere è quello della selezione del ramo da tagliare. Deve essere un ramo giovane, che abbia già prodotto fiori e che abbia almeno cinque nodi. Dovrà essere scelta la parte più vicina al ramo vecchio, che abbia già una consistenza legnosa. Il taglio dovrà essere netto ed effettuato in obliquo. In seguito, dovremo eliminare accuratamente le foglie, usando sempre una forbice affilata. A questo punto, arriva il fatidico momento dell’uso del radicante e qui possiamo usare un prodotto che tutti abbiamo in casa: l’aspirina.

Eh sì, perché l’acido acetilsalicilico farà sviluppare in maniera molto più rapida le radici della nuova piantina. Basterà semplicemente sbriciolarne una compressa e, dopo aver inumidito leggermente la parte della talea, andare ad applicarla in maniera abbondante. Ora, sarà sufficiente prendere un vasetto di terra di medie dimensioni, poi la copriremo fino al terzo nodo, lasciando scoperti gli ultimi due. Innaffieremo abbondantemente, per poi costruire una piccola struttura a castello, con dei pezzi di legno, sul quale montare un pezzo di telo per piante. Legare bene il tutto con dello spago, in modo da creare una piccola serra e il gioco è fatto.

Ecco come fare una perfetta talea delle rose con un radicante a sorpresa a come l’aspirina, che favorirà un rapido sviluppo delle radici. Il vaso contenente la talea dovrà essere messo in ombra da subito e potrà rimanere all’esterno tutto l’inverno, purché in posizione riparata dal freddo. All’inizio di marzo, la nostra talea sarà pronta per essere messa nel terreno, per fare compagnia alle sue sorelle più grandi.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo i comportamenti dei nostri lettori nei confronti di utensili presenti in casa o in giardino. Per questo motivo si raccomanda di utilizzare la massima cautela ed attenzione con attrezzi per la casa e il giardino per evitare di creare spiacevoli incidenti. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te