E se le azioni di Banca MPS fossero vicine a un rialzo del 250%?

Anche restringendo l’analisi agli ultimi anni, dopo la riabilitazione alla quotazione in Borsa, le quotazioni della banca senese non hanno brillato per grandi performance. Tuttavia, e se le azioni di Banca MPS fossero vicine a un rialzo del 250%?

Questa ipotesi è elaborato sulla base dei grafici, ma i fondamentali sono in grado di giustificarla?

Se si guarda alla valutazione basata sui multipli di mercato la società risulta essere sempre sopravvalutata indipendentemente dal parametro che si utilizza. Fa eccezione il Price to Book ratio secondo il quale il prezzo di Banca MPS potrebbe aumentare di un fattore 2,5. Per il resto non si vedono segnali incoraggianti. Anche gli analisti che coprono il titolo sono pessimisti sul futuro della banca senese. Il consenso medio, infatti, è alleggerire con un prezzo obiettivo medio che esprime una sopravvalutazione del 12,4%.

Sicuramente un ruolo decisivo nel futuro di Banca MPS sarà giocato dal governo italiano e dalle decisioni che prenderà in relazione alla quota di controllo attualmente nelle sue mani. Recentemente il Presidente del Consiglio Mario Draghi ha dichiarato a chi gli chiedeva del futuro di Banca MPS

è un dossier che ancora non ho visto, non c’è una strada decisa, se farà una fusione con Unicredit, con un’altra banca o con nessuno. Queste cose verranno analizzate dal Governo nelle prossime settimane, a oggi non ho una risposta

E se le azioni di Banca MPS fossero vicine a un rialzo del 250%? Le indicazioni dell’analisi grafica

Banca MPS (MIL:BMPS) ha chiuso la seduta del 9 aprile a quota 1,1475 euro in ribasso dello 0m26% rispetto alla seduta precedente.

La tendenza in corso è ribassista sia sul time frame settimanale che su quello mensile. Tuttavia va osservato che le quotazioni sono vicine a livelli di prezzo superati i quali si potrebbe assistere a un’esplosione rialzista.

Sul settimanale, ad esempio, il supporto in area 1,139 euro sta resistendo e la sua tenuta potrebbe favorire una ripresa del rialzo. È sul mensile, però, che si stanno creando le condizioni più interessanti per forti accelerazioni rialziste.

Come si vede dall grafico le quotazioni sono vicine alla resistenza in area 1,195 euro. Una chiusura mensile superiore a questo livello annullerebbe di fatto la proiezione ribassista e getterebbe le basi per un’esplosione rialzista nel caso in cui si assista a una  chiusura mensile superiore a 1,39 euro. In questo caso le quotazioni invertirebbero al rialzo con massimo obiettivo rialzista in area 4 euro per un potenziale rialzo del 250%. In caso contrario le quotazioni si dirigerebbero verso area 0,7 euro.

Time frame settimanale

banca mps

Le linee oblique rosse rappresentano i livelli di Running Bisector; le linee orizzontali i livelli de La Nuova Legge della Vibrazione. Sulla sinistra è mostrato il volume per ciascun livello di prezzo. Il pannello intermedio riporta il segnale di BottomHunter. Il minimo sul time frame considerato è segnato quando è uguale a 1. Il pannello dei volumi mostra il volume scambiato per ciascuna barra confrontato con una media mobile esponenziale zero lag a 20 periodi. Nel pannello inferiore è mostrato lo Swing Indicator che mostra i segnali al rialzo e al ribasso sullo strumento in questione.

Time frame mensile

banca mps

 

Approfondimento

Le azioni Intesa Sanpaolo nel lungo periodo potrebbero riservare sorprese poco piacevoli agli investitori

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te