Dopo una lunga discesa le azioni NEXI potrebbero essere in bilico tra l’inversione rialzista e l’accelerazione ribassista

Se si considerano solo i titoli con capitalizzazione superiore ai 2 miliardi di euro, NEXI detiene un triste primato. È stato, infatti, il peggior titolo con una performance negativa del 43% riuscendo a fare peggio anche di un titolo come Telecom Italia che ha avuto molte vicissitudini.

Sicuramente il titolo ha sofferto moltissimo la crisi economica scatenata dalla pandemia prima e dalle tensioni internazionali seguite all’invasione dell’Ucraina da parte della Russia. Quest’ultimo evento, in particolare, potrebbe avere vanificato l’impatto positivo derivante da tante notizie relative al titolo NEXI. Tra queste ricordiamo il trend di lungo termine della digitalizzazione dei servizi pagamento in Italia, il ritorno alla piena normalità dei consumi dopo le restrizioni per il Covid e le sinergie derivanti dal consolidamento di Sia.

La valutazione dei NEXI

Dal punto di vista della valutazione, da quanto riportato dalle pubblicazioni specializzate, notiamo che, qualunque sia l’indicatore utilizzato, il titolo risulta essere sopravvalutato. Ad esempio, la valutazione del gruppo in termini di multipli di utili appare relativamente elevata. Al momento l’azienda è valutata, infatti, 29,93 volte l’utile netto per azione previsto per l’esercizio in corso. Inoltre, il rapporto “enterprise value to sales” della società la colloca tra le aziende più costose su scala mondiale. Infine, il valore dell’azienda in proporzione al fatturato della società, valutato a 4,83 volte le vendite societarie, è relativamente elevato.

Tuttavia, le prospettive sugli utili dell’azienda per i prossimi esercizi sono molto interessanti.

Secondo quanto riportato sulle riviste specializzate, per gli analisti che coprono il titolo il giudizio medio è comprare con un prezzo obiettivo medio che esprime una sottovalutazione del 76% circa.

Dopo una lunga discesa le azioni NEXI potrebbero essere in bilico tra l’inversione rialzista e l’accelerazione ribassista: le indicazioni dell’analisi grafica

Le azioni NEXI (MIL:NEX) hanno chiuso la seduta del 23 maggio a quota 9,236 euro, in rialzo dell’1,90% rispetto alla chiusura della seduta precedente.

Time frame settimanale

La proiezione in corso è ribassista, ma da qualche mese è compressa all’interno del trading range 8,435 euro – 9,602 euro. Solo la chiusura di uno di questi due livelli potrebbe dare direzionalità alle quotazioni. Quindi, dopo una lunga discesa le azioni NEXI potrebbero essere in bilico tra l’inversione rialzista e l’accelerazione ribassista.

Al ribasso l’obiettivo più probabile si colloca in area 6,547 euro (I obiettivo di prezzo). A seguire, poi, il titolo potrebbe dirigersi verso area 1,6 euro.

Al rialzo, invece, le quotazioni potrebbero allungarsi anche fino in area 14 euro. Decisive saranno le prossime chiusure settimanali.

nexi

 

Approfondimento

Rimbalzo dei mercati come da attese, ma domani chiarirà le reali intenzioni: falso segnale o sell off?

I risultati delle previsioni presenti in questo articolo si basano su calcoli statistici spiegati negli ebook pubblicati da ProiezionidiBorsa ed elaborati sulla base dello storico dei prezzi a disposizione. (Ricordiamo, inoltre, di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»)

Consigliati per te