Documenti necessari per la pratica di successione: quali sono?

Documenti necessari per la pratica di successione: quali sono?

Cosa serve per avviare la pratica di successione? Quali documenti è necessario produrre affinché la dichiarazione di successione sia completa? Nelle seguenti righe vi offriamo una guida indicativa dei principali documenti da produrre per la pratica di successione.

Come funziona la dichiarazione di successione

Quando un familiare o una cara persona decede, si pone l’obbligo di adempiere ad alcuni oneri fiscali e legali. Tale è la cosiddetta dichiarazione di successione attraverso la quale si comunica all’Agenzia delle Entrate il subentro degli eredi nel patrimonio del defunto. Si tratta di una tassa sul quale importo è possibile talvolta ottenere un risparmio come indicato qui. L’attuale legislazione impone che gli eredi presentino la dichiarazione di successione entro 12 mesi dalla data di apertura della successione stessa, ossia la data delle morte. Attenzione alla mancata presentazione della dichiarazione di successione. Questa omissione comporta una sanzione variabile tra il 120% e il 240% dell’imposta liquidata.

Crowfunding immobiliare: ROI operazione 11,25%, ROI ANNUO 9,00%! - Scopri di più »

In generale, i soggetti a cui spetta presentare la dichiarazione di successione sono gli eredi o chi amministra l’eredità. Quando si compila la dichiarazione di successione, è importante indicare:

A) data e luogo del decesso e dati del defunto;

B) dati relativi al testamento;

C) dati catastali degli immobili rientranti nella successione;

D) stato di famiglia che evidenzi il grado di parentela tra i defunto e gli eredi.

Quando si presenta la dichiarazione di successione, si ha tempo 30 giorni per presentare anche la dichiarazione di voltura degli immobili presso l’Agenzia delle Entrate.

I principali documenti da allegare alla dichiarazione di successione

Quali sono i documenti necessari per la pratica di successione? La documentazione da allegare alla dichiarazione di successione va inserita con molto cura affinché la procedura sia completa. Tra i documenti principali che si deve allegare, i più importanti sono i seguenti:

1. certificato di morte del defunto e copia di un documento di identità;

2. certificato dello stato di famiglia storico del defunto ed eventuale estratto di matrimonio;

3. certificato o autocertificazione dello stato di famiglia degli eredi

4. atto di notorietà degli eredi;

5. dichiarazione della banca/posta che certifichi eventuali rapporti intestati al defunto con i valori presenti;

6. visure catastali degli immobili di proprietà del defunto;

7. copia del testamento autenticato da un notaio;

8. prospetto di autoliquidazione delle imposte ipotecarie e catastali assieme alle ricevute di pagamento;

9. documenti attestanti eventuali passività;

10. ricevuta delle spese funerarie ed eventuali dichiarazioni di rinuncia all’eredità da parte degli eredi.

Dunque, una volta che gli eredi hanno procurato tutta la documentazione utile, è possibile presentare la dichiarazione per via telematica presso l’Agenzia delle Entrate.  Infine, una volta che si presenta la dichiarazione di successione, il dichiarante ha l’obbligo di corrispondere le eventuali imposte di bollo, imposte catastali e ipotecarie e i tributi speciali. In questi passaggi è sempre utile avvalersi dell’ausilio di un consulente esperto o di un Caf.

Scopri Plus500
Scopri Plus500
Bridge Asset
Bridge Asset

Consigliati per te

Ricevi un e-book in omaggio!

Basta inserire la tua mail per scaricare subito il nostro e-book
QUESTA È LA VITA DA TRADER!

Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo il GDPR 2016/679 UE per le comunicazioni da parte di Proiezionidiborsa S.r.l. in relazione alle iniziative proprie e/o di società controllate e/o collegate. Dichiaro, inoltre, di aver preso visione della Privacy Policy.