Cosa potremmo prendere per il mal di gola forte anche dovuto al Covid

In qualsiasi stagione potremmo accusare mal di gola, un’affezione dolorosa che in alcuni casi potrebbe necessitare di consulto medico. Se il fastidio è persistente e di elevata intensità o se è associato ad altri sintomi che coinvolgono le orecchie, la pelle o i linfonodi, sarebbe opportuno rivolgersi al proprio medico curante.

Nei casi più comuni si potrebbero valutare rimedi che allevino il disturbo.

Cosa potremmo prendere per il mal di gola forte anche dovuto al Covid

L’irritazione della gola potrebbe essere causata da virus ma essere determinata anche da batteri, allergie, reflusso gastrico o agenti esterni.

Potremmo presentare altri sintomi in associazione al mal di gola. I più comuni sono febbre, tosse, starnuti, dolori o problemi gastrointestinali. Le tonsille potrebbero essere coinvolte, ingrossarsi e presentare placche.

Anche tra i sintomi da Covid ci sarebbe il mal di gola. Alcuni casi potrebbero esordire proprio con questo fastidio più o meno forte.

In caso di Covid sembrerebbe che il mal di gola sia associato a tosse secca, naso che cola, febbre, starnuti e spossatezza.

Capita spesso che, per alleviare i sintomi del mal di gola, si faccia ricorso a prodotti molto pubblicizzati come spray, collutori o pastiglie. Tuttavia questi rimedi potrebbero non avere effetto, essendo soprattutto disinfettanti per il cavo orale.

Quale farmaco si dovrebbe scegliere

Nebulizzatori e caramelle da sciogliere in bocca potrebbero agire in maniera limitata in quanto resterebbero a contatto con la mucosa infiammata per poco tempo. Deglutendo, i principi attivi verrebbero lavati via. Per alleviare il dolore il farmaco più utile sembrerebbe essere il paracetamolo. Tuttavia potrebbe essere poco risolutivo ed avere un’azione prettamente lenitiva. L’ibuprofene, invece, ha anche un’azione antinfiammatoria che andrebbe ad agire sfiammando la gola.

Ciò che si dovrebbe assolutamente evitare è l’automedicazione a base di antibiotici. Solo in rari casi il mal di gola deriverebbe da infezioni batteriche e dunque dovrebbe essere trattato con antibiotici. Inoltre questo tipo di farmaco deve essere prescritto dal medico in quanto deve essere scelto in base al tipo di batterio che ci ha aggredito. Assumere antibiotici non adatti o non necessari potrebbe danneggiarci piuttosto che aiutarci a stare meglio.

Rimedi naturali e segreti della nonna

Se non sappiamo cosa potremmo prendere per il mal di gola forte al posto dei farmaci, ecco che ci vengono in soccorso le nonne e la natura.

Il limone sarebbe un rimedio quasi scontato grazie alla sua azione disinfettante. Ci si possono fare gargarismi o consumarlo in bevande calde o fredde.

Per chi non soffre di ipertensione o altre patologie che ne sconsigliano l’utilizzo, un rimedio naturale ben conosciuto dalle nostre nonne potrebbe essere la liquirizia. Potremmo masticare le radici o preparare degli infusi a base di liquirizia e foglie di alloro.

Un altro infuso si può ottenere con la salvia o la santoreggia, entrambe piante che avrebbero un effetto antibatterico e antinfiammatorio. 4 grammi di foglie essiccate ogni 100 millilitri di acqua sarebbero sufficienti per preparare una bevanda lenitiva.

Un alleato naturale potrebbe essere anche la buccia della cipolla. Basterebbe mettere in infusione le bucce di mezza cipolla per ogni tazza d’acqua ed il gioco è fatto. Se il sapore dovesse risultare sgradevole, potremmo dolcificare con del miele.

Non dimentichiamo il potere antinfiammatorio dell’aglio. Potremmo mangiarne almeno 3 grammi al giorno per cercare di lenire l’irritazione, meglio se seguito da una tazza di tè verde che eviterebbe l’alitosi. Questi sono rimedi naturali che non possono certamente sostituire i farmaci ma solo contribuire al nostro benessere.

Lettura consigliata

Perché scegliere questo aglio rosso più potente e migliore di molti altri e come si coltiva in casa per risparmiare tanti soldi

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te