Cosa potremmo mangiare col colesterolo a 280 di sera a cena senza rinunce

Chi soffre di colesterolo alto sa, grazie ai consigli dei medici, quali cibi potrebbe mangiare e quali evitare. La sera in particolare si è però spesso in dubbio sul menù. È durante la notte, infatti, che viene prodotto il colesterolo e quindi meglio badare a cosa portiamo in tavola a cena. Ecco 3 ricette con ingredienti gustosi ma al contempo perfetti per chi vuol tenere bada il colesterolo cattivo LDL.

Cosa potremmo mangiare col colesterolo a 280 di sera a cena senza rinunce

Abbiamo selezionato queste 3 ricette dal sapore deciso che al contempo possano essere di stagione in modo da agevolare anche il risparmio. A colazione possiamo contare, ad esempio, sul caffè d’orzo e per cena potremmo optare per un orzotto. Oppure potremmo gustare una zuppa che ci riscalderà nelle serate d’inverno.

Il pesce giusto per abbassare il colesterolo

Il pesce adatto al benessere del sistema cardiovascolare è quello ricco di omega 3. L’halibut, ad esempio, è ricco di questi ultimi in forma EPA e DHA, e questo lo renderebbe uno dei pesci migliori per l’ipercolesterolemia. Inoltre, ha anche un prezzo contenuto. Ecco gli ingredienti dell’halibut con i pomodori datterini al forno:

  • 500 g di filetti di halibut;
  • 200 g di pomodori datterini;
  • 100 g di pangrattato;
  • foglie di timo sminuzzate finemente;
  • succo di metà limone;
  • sale q.b. e olio EVO.

Prepariamo dapprima l’impanatura, unendo al pangrattato il timo ed il sale. Laviamo ed asciughiamo i filetti di halibut e poi bagniamoli con il succo del limone. Ora passiamoli nell’impanatura. Mettiamoli in una pirofila con un filo di olio EVO. Tagliamo a metà i pomodori e ricopriamo l’halibut. Ora inforniamo per 25 minuti a 200°.

Come combattere il colesterolo alto a tavola grazie ai broccoli

Ingredienti per l’orzotto ai broccoli:

  • 150 g di orzo perlato;
  • 300 g di broccoli;
  • mezza cipolla rossa a dadini;
  • 1 cucchiaio di parmigiano grattugiato;
  • sale, pepe e olio EVO;
  • brodo vegetale.

L’orzo può esser naturale, decorticato o perlato. Nei primi due casi occorre l’ammollo e una cottura abbastanza lunga, mentre con il perlato basterà una mezz’ora. Usiamo l’orzo proprio come se fosse riso. Mettiamolo a soffriggere con la cipolla tritata ed un filo di olio. Quando inizia a prendere colore, aggiungiamo il brodo vegetale. Dopo un quarto d’ora aggiungiamo nella pentola le rosette di broccoli, che avremo prima mondato. Lasciamo cuocere un altro quarto d’ora, aggiungendo del brodo, se necessario. Aggiustiamo di sale e, dopo 30 minuti, serviamo l’orzotto con il parmigiano grattugiato o con un filo d’olio EVO.

La zuppa di verdure che sarebbe ideale per il colesterolo alto

Una zuppa d’inverno è perfetta per scaldarsi e questa versione con zucchine e lenticchie è un booster contro il colesterolo. Le lenticchie sono un legume consigliato per l’ipercolesterolemia perché contengono fibra e omega 3. Ingredienti della zuppa di zucchine con lenticchie:

  • 80 g di lenticchie decorticate;
  • 6 zucchine;
  • olio EVO;
  • sale q.b.;
  • 2 cucchiai di latte;
  • qualche foglietta di menta.

Mettiamo a cuocere in acqua le lenticchie piccole rosse che non hanno bisogno di ammollo. La cottura richiederà una ventina di minuti. Dopo 10 minuti aggiungiamo le zucchine tagliate e proseguiamo la cottura. Frulliamo con il mixer ad immersione e rimettiamo sul fuoco aggiungendo due cucchiai di latte. Lasciamo poi ridurre per qualche minuto. Aggiustiamo quindi di sale e serviamo con un filo di olio EVO. Insaporiamo infine con un trito di foglioline di menta. Se siamo alla ricerca di ricette per l’ipercolesterolemia, ecco cosa potremmo mangiare col colesterolo a 280 di sera a cena.

Lettura consigliata

Dopo i 50 anni per dimagrire nella zona girovita ed eliminare il grasso addominale potremmo fare esercizio con questo oggetto che abbiamo in cucina

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te