Sarebbe questa la colazione ideale per abbassare i livelli di colesterolo cattivo e trigliceridi senza rinunciare al caffè

Il problema del colesterolo cattivo alto potrebbe arrecare problemi, come ben sappiamo, al sistema cardiovascolare. Allo stesso rischio ci espone un alto livello di trigliceridi e pertanto occorre già da inizio giornata curare l’alimentazione. “La colazione è il pasto più importante della giornata” ci viene spesso ripetuto. In effetti il primo pasto della giornata deve essere equilibrato ma allo stesso tempo darci una buona carica per affrontare il nuovo giorno. Vediamo quindi qual è la colazione migliore per chi ha colesterolo e trigliceridi alti.

Sarebbe questa la colazione ideale per abbassare i livelli di colesterolo cattivo e trigliceridi senza rinunciare al caffè

In questo caso accomuniamo le due patologie in quanto per colazione la scelta degli alimenti è abbastanza simile. Prenderemo in considerazione i classici della colazione all’italiana e vedremo quali scegliere per tenere sotto controllo questi valori.

Caffè? Sì, ma con moderazione.

Per prima cosa occorre chiarire che a lungo il caffè è stato considerato nocivo per i casi di ipercolesterolemia. In realtà il caffè è stato in seguito “riabilitato” e integrato nella dieta da seguire per il colesterolo. Il caffè sarebbe ricco di antiossidanti, come l’acido clorogenico e l’acido caffeico. Queste sostanze ci preservano dall’azione dei radicali liberi. Sarebbe meglio però limitarne l’assunzione a poche tazzine al giorno. Soprattutto occorre non consumare il caffè non filtrato, come avvertono gli esperti. Per i livelli alti di trigliceridi, invece, il caffè è consigliato perché grazie all’azione della caffeina si limita il rischio di obesità e sovrappeso. Per quanto riguarda il classico cappuccino, caffè macchiato e caffellatte meglio evitare se il latte sia intero, meglio preferire quello scremato. Infine ultima raccomandazione riguardante il caffè è quella di non zuccherare se possibile.

10 e lode al caffè d’orzo

Il caffe d’orzo potrebbe essere un’ottima alternativa al caffè ed è consigliato sia per chi ha livelli alti di trigliceridi e colesterolo. È ricco di betaglucani che aiutano a ridurre i livelli di colesterolo totale nel sangue contrastandone l’assorbimento. Il caffè d’orzo contiene, poi, la niacina che aiuta ad abbassare i trigliceridi nel sangue.

Il tè: promosso soprattutto se verde

Il tè verde è un concentrato di antiossidanti fra cui caffeina e catecolo. Sarebbe stato dimostrato da una ricerca del 2008 che, dopo soli 7 giorni di assunzione di tè verde, i livelli di lipidi si abbassano di circa il 30%.

Spremuta

Assolutamente è un ottimo modo di iniziare la giornata grazie al potere antiossidante della vitamina C contenuta negli agrumi. Possiamo variare e provare una spremuta di mandarini, un paio di clementine alternate alla classica di arancia.

Cosa mangiare per colazione

I fiocchi d’avena sarbbero spesso consigliati dai nutrizionisti perché grazie all’alto contenuto di betaglucani si limiterebbe l’assorbimento del colesterolo cattivo e riduce i livelli di trigliceridi.

Frutta secca e frutta non zuccherina

Una bella macedonia di frutta appena svegli oltre a darci energia, può contribuire ad abbassare livelli di trigliceridi e colesterolo. Consigliamo un mix di frutti di bosco come mirtilli e lamponi magari accompagnati da una nota croccante data dalla granella di mandorle.

Un frutto che si trova a prezzi ridotti in questo periodo è l’avocado. Questo frutto è ottimo per la ricchezza di sali minerali ma anche per ridurre la presenza di lipidi nel sangue. È un po’ difficile però da mangiare a colazione e quindi suggeriamo la versione smoothie con la mela. Possiamo aggiungere le banane ma solo per chi soffre di colesterolo cattivo alto. Per chi registra livelli alti di trigliceridi meglio evitare perché contengono fruttosio che stimola la produzione di queste sostanze nocive.

Quindi sarebbe questa la colazione ideale per abbassare i livelli di colesterolo cattivo e trigliceridi senza rinunciare al caffè.

Approfondimento

Per trigliceridi e colesterolo LDL sotto controllo ecco quante ore lasciar passare tra cena e colazione

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riportate QUI»)

Consigliati per te