Cosa fare con le azioni Prima Industrie vista la sottovalutazione del 40% e gli utili visti in crescita dell’80%?

C’è un titolo a Piazza Affari che potrebbe riservare molte sorprese per gli investitori. Cosa fare con le azioni Prima Industrie vista la sottovalutazione del 40% e gli utili visti in crescita dell’80%?

Dal punto di vista dei fondamentali tutti i parametri sono in linea, o leggermente peggiori della media del settore. Se, invece, si guarda al fair value calcolato con il metodo del discounted cash flow si scopre che Prima Industrie è sottovalutato del 40% circa. C’è, poi, un altro aspetto che rende il titolo molto interessante. Gli utili sono attesi crescere in media dell’80% all’anno per i  prossimi tre anni. Questo livello di crescita è oltre un fattore 2 superiore a quello del settore di riferimento nello stesso periodo di tempo.

Cosa fare con le azioni Prima Industrie vista la sottovalutazione del 40% e gli utili visti in crescita dell’80%? Le indicazioni dell’analisi grafica

Il titolo Prima Industrie (MIL:PRI) ha chiuso la seduta del 30 marzo a quota 22,45 euro in rialzo dello 0,67% rispetto alla seduta precedente.

A fine gennaio sul titolo scrivevamo

La proiezione in corso è rialzista, ma da metà novembre le quotazioni non riescono ad avere ragione della resistenza in area 14,12 euro. Una chiusura settimanale superiore a questo livello aprirebbe le porte a una continuazione del rialzo con prospettive di apprezzamento del 30% circa.

Indicando come obiettivo del rialzo di lungo area 30 euro. Dalla pubblicazione del report il titolo ha guadagnato circa il 60%. Adesso il rialzo potrebbe continuare, ma prima c’è da superare l’ostacolo in area 23 euro.

Il superamento di questo livello in chiusura di settimane farebbe accelerare verso area 30 euro. In caso di difficoltà, invece, le quotazioni potrebbero ritracciare fino in area 20 euro. Solo una chiusura settimanale inferiore a 19,2 euro, però, farebbe invertire la tendenza in corso al ribasso.

Time frame settimanale

prima industrie

Le linee oblique rosse rappresentano i livelli di Running Bisector; le linee orizzontali i livelli de La Nuova Legge della Vibrazione. Sulla sinistra è mostrato il volume per ciascun livello di prezzo. Il pannello intermedio riporta il segnale di BottomHunter. Il minimo sul time frame considerato è segnato quando è uguale a 1. Il pannello dei volumi mostra il volume scambiato per ciascuna barra confrontato con una media mobile esponenziale zero lag a 20 periodi. Nel pannello inferiore è mostrato lo Swing Indicator che mostra i segnali al rialzo e al ribasso sullo strumento in questione

Time frame mensile

prima industrie

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te