Con la pressione alta si può anticipare la pensione?

L’ipertensione arteriosa, chiamata comunemente pressione alta, è una patologia molto comune, ma con conseguenze anche molto gravi, ad esempio: aneurismi delle arterie, insufficienza cardiaca, infarto miocardio e malattia renale cronica. Quindi, il lavoratore che ha la pressione alta ha diritto ad assentarsi e al riconoscimento di una percentuale invalidante o di handicap. Tra i vari quesiti posti agli Esperti di ProiezionidiBorsa si evidenzia la domanda: con la pressione alta si può anticipare la pensione? Prima di rispondere vediamo una breve panoramica delle percentuali invalidanti legate alla patologia di pressione alta.

Le percentuali per l’invalidità

Come sopra specificato, il lavoratore con la pressione alta può fare richiesta per il riconoscimento dell’invalidità civile. Le linee guida dell’INPS prevedono le percentuali per chi soffre di ipertensione in base alla gravità della patologia:

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Spirulina FIT, il nuovo integratore che fa perdere peso in pochi giorni

SCOPRI IL PREZZO

Spirulina

a) il 10% per ipertensione arteriosa non complicata;

b) dall’11 al 20% per ipertensione arteriosa non controllata da terapia medica;

c) dal 21 al 30% per ipertensione arteriosa con iniziale impegno cardiaco;

d) dal 31 al 50% per cardiopatia ipertensiva con impegno cardiaco medio;

e) dal 51 al 70% per cardiopatia ipertensiva con impegno cardiaco medio-severo;

f) dal 71 al 80% per cardiopatia ipertensiva con impegno di grado severo;

g) dal 81 al 100% per cardiopatia ipertensiva scompensata.

In base alla gravità è possibile chiedere anche la Legge 104, che con una situazione di handicap grave (art. 3 comma 3), permette di ottenere i permessi Legge 104 e il congedo per cure.

Con la pressione alta si può anticipare la pensione?

Se la pressione alta comporta una riduzione della capacità lavorativa almeno di un terzo, permette di ottenere l’assegno ordinario di invalidità, che dopo tre rinnovi si trasforma in automatico in pensione di vecchiaia.

Altre misure pensionistiche che permettono di anticipare la pensione per l’invalidità sono:

a) per il 2021 (salvo eventuale proroga) il sussidio APE Sociale con una percentuale invalidante uguale o superiore al 74%, 64 anni di età e 30 anni di contributi;

b) pensione lavoratori precoci (Quota 41) con una percentuale invalidante uguale o superiore al 74%, un anno di contributi versati prima del 19° anno di età e 41 anni di contributi;

c) pensione di vecchiaia anticipata con una percentuale invalidante di almeno l’80%, con 60 anni di età per gli uomini e 55 anni per le donne e 20 anni di contributi (1040 settimane).

Quindi, con la pressione alta si può anticipare la pensione? La risposta è positiva. Infatti, abbiamo evidenziato in breve le varie forme. La prima cosa da fare è richiedere il riconoscimento dell’invalidità civile, poi, in base alla percentuale invalidante, si può verificare a quale forma pensionistica aderire.

Consigliati per te