Come utilizzare il cellulare per limitare l’esposizione alle radiazioni

La società di oggi si compone di due aspetti. Il primo riguarda tutte quelle cose che si vedono e che capitano sotto i nostri occhi ogni giorno. L’altro è quello delle presenze invisibili, costituito da tutta quella parte nascosta della materia. Non che non esistano, solo che i nostri sensi non li percepiscono.

Fra questi ultimi abbiamo le radiazioni o onde elettromagnetiche. Un apparecchio elettrico in genere le produce. Potrebbe trattarsi del nostro frigorifero o del forno a microonde. Ma tra gli elettrodomestici che più utilizziamo ogni giorno vi è il telefono cellulare.

Attualmente quello che una volta era un semplice telefono, si presenta come un vero concentrato di tecnologia. Con esso possiamo sì telefonare, ma anche inviare messaggi scritti e vocali. Possiamo condividere testi e documenti in vari formati. Inoltre vi è tutta la parte riguardante l’immagine digitale, che comprende video e foto. Attraverso le applicazioni possiamo trovare luoghi da raggiungere in auto o a piedi. Locali, negozi o abitazioni private si possono cercare con una certa precisione. Lo smartphone è attualmente uno strumento molto utile e versatile per connettersi al mondo moderno.

Come utilizzare il cellulare per limitare l’esposizione alle radiazioni

Tutto questo grazie alle onde elettromagnetiche. Queste non si vedono, ma sono una forma di energia che si sposta nell’aria. Essendo lo smartphone uno strumento per ricevere e per inviare, questo utilizza delle onde.

Vi sono quelle che emette l’antenna, quelle del dispositivo Bluetooth e quelle delle connessioni Wireless. Anche la stessa batteria emette delle onde a bassa frequenza. Le connessioni Wireless e Bluetooth sono onde radio a bassa frequenza e a corto raggio. Le onde che si utilizzano per telefonare e comunicare con il cellulare sono più ad alta frequenza rispetto alle prime. Si tratta di onde meno penetranti dei raggi X o dei raggi ultravioletti. Si discute molto sulla loro possibile pericolosità.

Alcuni consigli d’utilizzo

Qualche accorgimento conviene prenderlo, visto anche che il cellulare può emettere allo stesso tempo sia onde radio a bassa frequenza che onde elettromagnetiche più forti. Il fenomeno, che la scienza riconosce a queste onde, è il riscaldamento che si ottiene a contatto col tessuto vivente. In effetti parlando molto al telefono alcuni avvertono un riscaldamento della parte corrispondente all’orecchio.

Per questo motivo è consigliabile utilizzare le cuffiette Bluetooth o quelle con filo. Oppure semplicemente parlare con il vivavoce. L’importante è tenere il telefono lontano dalle orecchie o dal corpo. È una risposta a  come utilizzare il cellulare per limitare l’esposizione alle radiazioni elettromagnetiche.

Il secondo consiglio è di non utilizzare il cellulare in condizione di segnale scarso. Proprio per compensare la parziale mancanza di segnale, il cellulare impiega una potenza maggiore di onde. In questi casi sarebbe meglio mettere il cellulare in modalità aereo.

Evitare l’uso dei cellulari e tablet ai bambini. Si discute molto sulle possibili conseguenze di questi apparecchi sulla salute del cervello.

Lettura consigliata

Ne basterebbe un cucchiaio per pulire la cover sporca e ingiallita del cellulare e farla tornare di nuovo trasparente

Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»)

Consigliati per te