Come togliere la muffa dai muri ed eliminarla anche da tessuti e legno senza rimpiangere la puzzolente candeggina 

La muffa che dilaga indisturbata sui muri e prende possesso degli angoli della casa è un problema molto comune.

Tantissime, infatti, sono le abitazioni dove proliferano questi particolari organismi servendosi delle cosiddette spore.

I motivi principali che ci fanno ritrovare a dover condividere i nostri ambienti con la muffa sarebbero due.

In primo luogo, l’elevato tasso di umidità presente in casa e poi la condensa dovuta agli sbalzi termici tra interno ed esterno.

Così ci ritroveremo a lottare, un po’ tutto l’anno, con macchie verdi e nere che spesso possono appropriarsi anche di tessuti e mobili.

Come eliminarle

Generalmente, per sbarazzarcene nell’immediato puntiamo sull’aiuto della candeggina, considerata un must tra i prodotti antimuffa.

Tuttavia, la candeggina non è molto eco-friendly e potrebbe risultare aggressiva sull’intonaco o altri materiali.

Inoltre, non è certamente famosa per il suo odore, pungente e a volte poco adatto a certi ambienti come camera da letto o salotto/soggiorno.

Perché, allora, non puntare su altri prodotti più amici dell’ambiente, della nostra casa e di noi stessi?

Ecco che in questo articolo scopriremo delle valide alternative per azzerare al volo questo problema.

Come togliere la muffa dai muri ed eliminarla anche da tessuti e legno senza rimpiangere la puzzolente candeggina

Per quanto riguarda i muri, lo strumento principale del quale non potremmo più fare a meno è lo spruzzino.

Questo ci permette di agire localmente in maniera molto precisa ed evitare di bagnare o sporcare il pavimento.

Al suo interno dovremmo inserire una miscela composta da:

  • 150 ml di acqua;
  • 6 cucchiai di acqua ossigenata stabilizzata al 3% ossia a 10 volumi.

Proprio quest’ultimo prodotto diventerà il nostro nuovo alleato contro la muffa da utilizzare diluito con l’acqua, spruzzare e far agire per circa 3 minuti.

Dopodiché, possiamo passare una pezza sui punti trattati e lasciare arieggiare la stanza per qualche ora.

Tessuti

Se la muffa avesse colpito anche alcuni tessuti come per esempio le tende, i divani o la testiera del letto, ecco la soluzione.

Basterebbe creare uno spray fai da te con:

  • 150 ml di acqua distillata;
  • 2 cucchiai di bicarbonato, potente antimuffa;
  • 8 gocce di Tea Tree Oil, considerato un antimicotico e un antisettico naturale.

Una volta pronto, andiamo a spruzzare la soluzione dove vediamo le macchie e dopo puliamo con un panno asciutto.

Legno

Pure il legno può darci del filo da torcere quando inizia a riempirsi di macchie di muffa.

Può accadere, per esempio, all’armadio, al comò e ai comodini oppure alla libreria e alla credenza.

In questo caso dovremmo cercare di essere molto delicati e quindi potremmo utilizzare l’aceto di vino bianco puro.

Imbeviamo l’angolo di una pezza asciutta con l’aceto e poi la passiamo sulle macchie con movimenti circolari.

Infine, prima di rimettere tutto in ordine, facciamo arieggiare i mobili facendoli asciugare per bene.

Quindi, ecco qui come togliere la muffa dai muri ed eliminarla anche da tessuti e legno senza rimpiangere la puzzolente candeggina.

Approfondimento 

In pochi puliscono questa parte della cucina dove si annidano sporcizia e grasso e possiamo farlo così.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo i comportamenti dei nostri lettori nei confronti di utensili presenti in casa o in giardino. Per questo motivo si raccomanda di utilizzare la massima cautela ed attenzione con attrezzi per la casa e il giardino per evitare di creare spiacevoli incidenti. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te