Come potare e concimare orchidee, rose e ortensie a gennaio per farle fiorire al meglio e facilmente

A gennaio la vegetazione è in fase di riposo, ma non per questo dobbiamo abbandonare a sé stesso il nostro giardino. Nonostante il freddo ed il gelo, molte piante avranno bisogno delle nostre cure. Sia che si ratti da alberi da frutto, che di piante e arbusti ornamentali, se vogliamo che producano fiori e abbondanti frutti, dovremmo agire.

Per farle crescere nel migliore dei modi, dovremo eliminare le parti secche e danneggiate, magari dando anche una forma aggraziata ai cespugli. In pieno inverno la potatura è necessaria per alcune specie, sia quelle sempreverdi che a foglia caduca.

Se faremo un buon lavoro, ripulendo per bene tutte le parti secche, potremo preparare il terreno anche per concimare. Questo è, dunque, il momento giusto per intervenire su orchidee, rose e ortensie che riempiono i nostri splendidi spazi verdi, vediamo come.

Come potare e concimare orchidee, rose e ortensie a gennaio per farle fiorire al meglio e facilmente

A metà mese potremo già preparare gli strumenti giusti per togliere le parti vecchie di questi esemplari, in questo modo potranno trovare nuovo vigore. Ma attenzione a non tagliare rami sbagliati, che variano se la pianta è giovane o meno. Nel primo caso dovremo solo accorciare i rami improduttivi e non eliminarli del tutto.

Potiamo del tutto solo se particolarmente rovinati, come nel caso delle rose piantate in primavera. Quindi, agiamo sulle parti esterne con un taglio netto e obliquo all’altezza della terza gemma, così la successiva fioritura sarà spettacolare.

Per quanto riguarda le orchidee, invece, se già fiorite, aspettiamo che appassiscano o eliminiamo gli steli orma secchi e non più produttivi. Effettuiamo un taglio a circa 20 cm dalla base, per dare loro forza e rigenerarle.

Potiamo anche le ortensie in questo periodo, che sono in riposo vegetativo, per migliorare forma e rafforzarle, ma non facciamolo su quegli esemplari ancora troppo piccoli e giovani. Eliminiamo le parti secche sotto il fiore ma sopra la gemma, per stimolare e garantire nuove infiorescenze. Mentre togliamo del tutto e alla base i rami completamente vecchi.

Fertilizzante

Tra meno di un mese potremo concimare le rose per stimolare il risveglio e una maggiore crescita. Sarà importante dare loro fosforo e azoto, per renderle più belle che mai in primavera, usando, ad esempio, la cenere del camino.

Diamo invece alle orchidee fertilizzanti a base di fosforo, quando ancora non fioriscono, e azoto, per farle crescere maggiormente.

Per fioriture eccezionali delle ortensie possiamo ancora mettere del letame o sostanze organiche ricche di minerali, escludendo l’azoto se sta per produrre fiori.

Ecco, dunque, come potare e concimare orchidee, rose e ortensie a gennaio per farle fiorire al meglio e facilmente.

Approfondimento

Come potare le orchidee secche e spente per vederle rifiorire tutto l’anno sempre in salute.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo i comportamenti dei nostri lettori nei confronti di utensili presenti in casa o in giardino. Per questo motivo si raccomanda di utilizzare la massima cautela ed attenzione con attrezzi per la casa e il giardino per evitare di creare spiacevoli incidenti. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te