Come liberarsi delle mosche che appaiono come per magia trovando l’origine dell’infestazione

Le mosche sono degli insetti che ci infastidiscono particolarmente con il loro rumore, ma non sono neanche gli animali più igienici del Mondo. Pensiamo infatti a dove si posano normalmente prima di zampettare sul nostro cibo.

Nonostante tutto, potrebbe essere un grave errore cercare di sterminare le mosche del giardino, dal momento che hanno comunque importanti funzioni da svolgere. In casa, però, è meglio fare attenzione, perché se trovano il posto giusto possono deporre le uova.

Considerato che le mosche possono deporre sino a 600 uova in pochi giorni, è importante evitare un’infestazione. Potrebbe, però, essere troppo tardi quando notiamo costantemente delle mosche in casa, nonostante facciamo attenzione a non farle entrare, magari con le zanzariere. Per sapere con più sicurezza se le mosche hanno figliato in casa nostra, ci sono altri dettagli a cui dovremmo fare caso.

Innanzitutto, bisogna capire sì sì esiste una zona della casa con del cibo andato male, presenza di feci o sporca e piena di batteri. Un esempio a cui pensiamo raramente è la lettiera del nostro animale domestico, che durante l’estate diventa particolarmente allettante per questi insetti.

Come liberarsi delle mosche che appaiono come per magia trovando l’origine dell’infestazione

Per sapere se ci troviamo davanti a un’infestazione di mosche, guardiamo sulle lampade, sui vetri e sulle pareti. Se notiamo delle piccole macchiette scure, è possibile che le abbiano lasciate questi insetti.

Allo stesso tempo, il segnale più evidente di un’infestazione di mosche è la loro costante presenza a prescindere dai nostri sforzi. Avviciniamoci alle zone intorno al cibo e all’acqua e non avremo difficoltà a trovarle. In particolare, potremmo cominciare a notare la presenza di tante mosche piccole e silenziose.

Infine, cercando il luogo d’origine dell’infestazione, potremmo anche scoprire dei bigattini, piccole larve di mosca. Per trovarle cominciamo a guardare nei canali di scolo, dove a volte si concentrano residui di cibo e umidità.

A questo punto, passiamo a utilizzare della carta moschicida posizionandola in punti strategici. In alternativa, possiamo sempre ricorrere alle trappole con aceto o bevande zuccherine. Infatti, quando ci troviamo in casa sarebbe meglio evitare di utilizzare prodotti chimici, dal momento che non sono salutari neanche per noi. Innanzitutto, però, dovremmo rimuovere la fonte dell’infestazione, tenendo pulito il più possibile, soprattutto in un periodo caldo come quello estivo.

Ecco spiegato come liberarsi delle mosche quando pensiamo di trovarci di fronte a un’infestazione.

Lettura consigliata

Attenzione perché se non vogliamo creare danni costosi dobbiamo sempre aprire il rubinetto quando cuciniamo questo alimento amatissimo

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo i comportamenti dei nostri lettori nei confronti di utensili presenti in casa o in giardino. Per questo motivo si raccomanda di utilizzare la massima cautela ed attenzione con attrezzi per la casa e il giardino per evitare di creare spiacevoli incidenti. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te