Come deve essere l’assegno per partecipare ad un’asta immobiliare?

Acquistare una casa all’asta può essere molto conveniente, ma per non avere brutte sorprese conviene controllare nel dettaglio la documentazione da presentare. Un aspetto importante è la presentazione dell’assegno da allegare alla domanda. Ma come deve essere l’assegno per partecipare ad un’asta immobiliare? Verifichiamolo.

Asta immobiliare e assegno circolare

L’assegno per partecipare deve avere un importo del 10% del valore offerto e deve essere un  circolare non trasferibile. Può essere emesso da una banca o da Poste Italiane. Non tutti sanno, però, che se l’assegno circolare è emesso tramite Poste Italiane deve essere un assegno specifico. Se l’assegno non è corretto sia per valore che per tipologia, la domanda è annullata.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Oil Free Fryer, la vera friggitrice ad aria

Scopri il prezzo lancio

Friggitrice Fryer

Quindi, se si vuole partecipare ad un’asta fallimentare “senza incanto”, bisogna allegare alla domanda in bollo (di 16 euro), un assegno circolare postale vidimato.

L’assegno deve essere intestato al Tribunale dell’asta fallimentare con l’indicazione del numero della procedura fallimentare e il lotto dell’immobile.

La domanda in bollo con allegato l’assegno circolare (bancario o postale) e copia del documento di identità, deve essere presentata in busta chiusa.

La domanda deve essere presentata nel giorno e nell’orario indicato nell’avviso di vendita. Non sono ammessi ritardi. La tempistica deve essere rispettata anche nel giorno della vendita giudiziaria.

Come deve essere l’assegno per partecipare ad un’asta immobiliare?

L’assegno circolare emesso da Poste Italiane per partecipare ad un’asta immobiliare deve essere equiparato all’assegno circolare bancario.

In questi casi è richiesto l’assegno circolare vidimato che, rispetto all’assegno circolare normale, ha apposto un visto particolare. Con questo visto, lo sportello postale garantisce che il valore ammontare dell’assegno è coperto sul conto corrente.

La Posta, con l’emissione dell’assegno circolare vidimato, blocca l’importo del valore indicato sull’assegno sul conto corrente. Questa è la garanzia massima che Poste Italiane offre ai suoi clienti.

L’assegno circolare postale vidimato è un assegno a copertura garantita, sicuro ed equiparabile ad un assegno circolare bancario.

Consigliati per te