Come convertire le taglie di vestiti straniere per non sbagliare più quando si fa shopping 

Nell’era dello shopping online e delle catene di negozi di vestiti internazionali è sempre più difficile azzeccare la taglia giusta. Le taglie italiane sono, infatti, uniche nel loro genere e non sempre sono segnalate sugli abiti che vogliamo comprare.

Molto spesso, infatti, troviamo taglie internazionali che possono confonderci. Ecco come convertire le taglie di vestiti straniere per non sbagliare più quando si fa shopping cominciando con le taglie europee e quelle americane di pantaloni.

Come convertire le taglie europee

Le taglie europee sono probabilmente quelle che troviamo più spesso. Sono taglie utilizzate da molti Paesi europei come la Francia e usate nella vendita internazionale.

È però molto facile, per i clienti italiani, scambiarle per taglie italiane. Alcune taglie internazionali, come quelle inglesi, sono molto diverse dalle nostre. Queste, quindi, non possono essere confuse con le taglie italiane. Le taglie europee sono invece numeri pari che partono da circa 34 come in Italia. Appaiono quindi come 40, 42, 44, 46 ecc.

Attenzione però! È facile acquistare un capo e poi scoprire che è troppo grande per noi. Questo perché alla taglia europea va aggiunto 4 per avere la taglia italiana. Una 42 europea è, quindi, una 46, una 44 una 48 e via così. È facile, però, individuare queste taglie perché sono spesso accompagnate dalla dicitura EU.

Mai più confusione con le taglie americane dei pantaloni

Come convertire le taglie di vestiti straniere per non sbagliare più quando si fa shopping sembra ancora più difficile per i pantaloni. Sono molti, infatti, i negozi che usano queste taglie statunitensi che a noi sembrano così strane.

Sono, infatti, suddivide in due parti. La dicitura “W” indica la circonferenza vita, la “L” la lunghezza. I numeri esposti sono, inoltre, in pollici. Sembrano, quindi, lontanissime dalle nostre taglie. Convertirle è però abbastanza semplice.

In linea di massima la regola prevede di aggiungere circa 14-16 al numero esposto sulla “W”. Una 32 diventa, quindi, 46 e via discorrendo. È, però, possibile incappare in taglie intermedie come la 45 e non sapere cosa scegliere.

Chi conosce la propria circonferenza vita può, tuttavia, convertire queste taglie in modo più preciso. Bisogna, infatti, prendere il numero “W” e moltiplicarlo per 2,54, cioè i centimetri in un pollice. In questo modo, ad esempio, sapremo che W30 equivale a 76,2 cm di circonferenza.

Consigliati per te