Come coltivare la menta e vari usi delle sue foglie e dell’olio essenziale

menta

Ci sono tante erbe aromatiche molto utili per l’uomo. Molte crescono spontanee nei campi e in montagna e alcune si possono coltivare in orti e balconi. Tra le più amate c’è la menta, appartenente alla famiglia delle Lamiaceae. Quest’erba può superare il metro d’altezza e si propaga abbastanza facilmente. In natura ci sono tante specie e la più nota probabilmente è la menta piperita, ottenuta dall’incrocio tra la Mentha aquatica e la Mentha spicata. Per coltivare questa pianta dalle foglie profumate basta un vaso capiente oppure un po’ di terra in giardino. È importante non metterla accanto a piante soprattutto da fiore, poiché ha radici che si sviluppano molto e in profondità, soffocando le altre.

Come coltivare la menta e vari usi in tanti campi

Il terreno adatto per la menta potrebbe essere quello leggermente acido. La pianta è perenne e si adatta bene al sole, con irrigazioni regolari, resistendo in inverno. La posizione ideale sarebbe però la mezz’ombra. Nei mesi freddi, si può spostare il vaso all’interno. Se la menta è in piena terra, potremmo fare una pacciamatura per ripararla dal troppo freddo.
Per evitare che le foglie della menta ingialliscano, si dovrebbe irrigare senza eccessi. Inoltre, assicuriamoci che abbia spazio a sufficienza per le radici e usiamo alcuni antiparassitari.

Sia in campo cosmetico che culinario, per non parlare delle prime pratiche di cura, le erbe sono usate dall’uomo dall’antichità. Per quanto riguarda la menta piperita avrebbe varie proprietà, tra cui quella rinfrescante e analgesica. L’uso interno dovrebbe evitarsi in caso di reflusso o durante l’uso di alcuni farmaci. In tal caso è sempre bene consultarsi col proprio medico.

Alcuni utilizzi in cucina

Sono tante le preparazioni culinarie in cui possiamo mettere le foglie di menta, intere o sminuzzate. Pensiamo alla frittata con le uova e alle polpette di carne. La menta sta bene anche in fresche insalate di verdure miste oppure in quelle con la pasta. Si può usare anche quando cuociamo carni particolari, come l’agnello. In un soffritto d’aglio insieme al succo di limone e foglie di menta tritate potremo cuocere, ad esempio, dei carciofi. Il tè alla menta è poi molto dissetante e rinfrescante. Per non parlare poi dell’uso delle foglie di questa pianta nel Mojito.

Per essiccare le foglie di menta e conservarle in un barattolo, possiamo esporle per qualche giorno all’aria aperta. Evitiamo il sole diretto per preservarne l’aroma.

Profumatori e rimedi naturali contro gli insetti

Apprendere come coltivare la menta e vari usi che possiamo farne in cucina è molto utile. Dobbiamo aggiungere che anche in casa questa pianta può servire per vari scopi. Ad esempio, possiamo profumare i cassetti mettendo alcune foglie di menta e rosmarino in un sacchetto di cotone. Andranno bene anche delle gocce di olio essenziale su un batuffolo di cotone. Mettiamole anche nel diffusore per profumare le stanze, specialmente dopo aver fritto del pesce. Se abbiamo del cattivo odore sulle mani dopo averlo pulito, strofiniamo tra le dita qualche foglia della pianta di menta. In caso avessimo l’alito cattivo, masticheremo delle foglie di menta.

Per allontanare le tarme del cibo potremo bagnare un pezzo di stoffa con olio essenziale di menta e metterlo negli scaffali. Contro insetti come formiche, mosche e zanzare si può spruzzare sulle finestre o negli angoli di casa acqua con quest’olio profumato.

Altri usi dell’olio essenziale

Per una pelle del corpo più liscia e fresca potremmo mescolare dell”avena con alcune foglie di menta minuzzate e dell’acqua. Strofiniamo sulle gambe e risciacquiamo bene sotto la doccia.
Per alleviare la fatica e avere piedi profumati possiamo fare un pediluvio. Nell’acqua potremmo aggiungere 3 gocce di olio essenziale di menta piperita e 3 di quello di limone con un cucchiaio di olio di mandorla.
Per provare a decongestionare le vie aeree e sciogliere il muco si potrebbero fare i suffumigi. Mettiamo a bollire dell’acqua e aggiungiamo 3 gocce di olio essenziale di menta. Spegniamo, copriamo la testa con un asciugamano e respiriamo il vapore per una decina di minuti.

Si invita a leggere attentamente le Avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»

Consigliati per te