Chi ha buoni fruttiferi postali di questa serie può aderire ad una class action

Sui buoni fruttiferi postali c’è una storia senza fine. Purtroppo ogniqualvolta si batte cassa per ottenere la riscossione dei buoni fruttiferi postali della serie Q si apre un giudizio. Perciò chi ha buoni fruttiferi postali di questa serie può aderire ad una class action.

Federconsumatori ha ipotizzato di aprire un’azione collettiva contro Poste Italiane per tentare una volta per tutte di mettere fine a questo scempio. Dunque, ogni persona in possesso di un buono fruttifero postale controlli quando l’ha acquistato e soprattutto di quale serie si tratta.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
XW 6.0, lo smartwatch di ultima generazione ad un prezzo incredibile.

SCOPRI DI PIU’

Smartwatch

Scoprire quale buono fruttifero postale si possiede

Questa class action prende in considerazione i buoni fruttiferi postali serie Q emesso dopo il primo luglio 1986 e da riscuotere entro il 19 maggio 2021.

Come riconoscere il buono fruttifero postale è semplice. Sul fronte c’è il numero della serie seguita dal numero identificativo del titolo. Dietro, invece, è presente una tabella stampigliata con i rendimenti riferiti alla serie Q. Un piccolo accorgimento, attenzione che in questa class action non rientrano i buoni emessi come serie Q/P.

Non ripetere l’errore di molti consumatori

Molti consumatori, in possesso dei buoni fruttiferi postali serie Q, hanno avuto modo di vedere con i propri occhi come Poste Italiane al momento della riscossione riconosce un importo nettamente inferiore al dovuto.

Di conseguenza migliaia di cittadini non hanno ricevuto quanto dovuto e questa situazione paradossale è una vera e propria ingiustizia. Più volte sulla nostra testata giornalistica abbiamo scritto di intentate querelle giudiziarie per farsi riconoscere l’esatto ammontare.

Con un buono fruttifero postale da 5 milioni di Lire quanto non viene riconosciuto?

Giusto per dare la dimensione di quanti soldi in meno finiscono nelle tasche dei possessori di buoni fruttiferi postali facciamo un esempio. Un risparmiatore ha un buono fruttifero postale serie Q emesso a maggio (dal 1988 al 1995)  per il valore di 5 milioni delle vecchie lire. Il maltolto di Poste Italiane e Cassa Depositi e Prestiti ammonta a 3.773,49 euro.

Chi ha buoni fruttiferi postali di questa serie può aderire ad una class action

Federconsumatori ha attivato un portale dedicato per fare la raccolta delle adesioni. Dunque i possessori dei buoni fruttiferi postali serie Q devono valutare se partecipare a questa azione collettiva con costi estremamente contenuti.

Consigliati per te