Chi ha appena interrato delle piante di pomodori o pomodorini deve assolutamente usare questo stratagemma per avere un buon raccolto

Marzo e aprile sono i mesi ideali in cui cominciare la nostra coltivazione di pomodori. Però, la pandemia e il bel tempo hanno avvicinato sempre più persone al giardinaggio. Ciò vuol dire che in molti stanno ancora imparando come trattare le piante nel modo giusto. Il pomodoro e forse tra quelle che intimidisce meno e che offre dei frutti graditi a tutti. Questa pianta però ha una necessità particolare che bisogna conoscere. Infatti, chi ha appena interrato delle piante di pomodori o pomodorini deve assolutamente usare questo stratagemma per avere un buon raccolto.

Il portamento della pianta

Sia alle piante di pomodori che di pomodorini hanno in comune il loro portamento. Con questo termine intendiamo genericamente la direzione di crescita di una pianta. Alcune potrebbero avere un portamento più verticale e altre più orizzontale. Nel caso di il pomodoro il portamento dovrebbe essere alto e verticale ma la pianta non ha la rigidità necessaria per sorreggersi da sola. Quindi, nel momento in cui cresce avrà bisogno di una struttura di sostegno. Ecco allora che entriamo in gioco noi, utilizzando un sistema semplice ed economico.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
XW 6.0, lo smartwatch di ultima generazione ad un prezzo incredibile.

SCOPRI DI PIU’

Smartwatch

Chi ha appena interrato delle piante di pomodori o pomodorini deve assolutamente usare questo stratagemma per avere un buon raccolto

La soluzione più ovvia potrebbe sembrare quella di piantare un’asticella affianco al pomodoro e legarlo strettamente a questa. Questa pianta però non cresce come una di rose. Infatti, la pianta di pomodoro si sviluppa molto più velocemente riuscendo a darci i suoi frutti già in estate. Per fare questo può arrivare raggiungere i 3 m nel giro di pochi mesi. Ne consegue che dovremmo legare spesso la nuova parte di pianta al paletto. Senza contare che potremmo impedirne la crescita stringendo lo stelo con lo spago. Per questo l’ideale sarebbe utilizzare dei fili come supporto. Se abbiamo la possibilità di farli cadere dal soffitto della serra legandoli al terreno non dovremo fare altro che attorcigliarsi intorno la pianta quando cresce. La maggior parte di noi però non ha a disposizione questa struttura. Quindi possiamo piantare due pali alle estremità della fila di piante legandole insieme con lo spago. In questo modo intrecceremo in mezzo le piantine di pomodoro, procedendo sempre verso l’alto. Ecco che così avremmo realizzato una struttura di supporto pratica ed economica.

Consigliati per te