Cashback, dilaga la protesta sulle transazioni sparite ma ecco cosa fare

Effetto boomerang per tanti italiani che hanno aderito al piano extra cashback predisposto dal Governo a inizio dicembre, per incentivare i pagamenti con dispositivi elettronici al posto dei contanti. Molti lamentano la sparizione delle transazioni elettroniche. In tal modo non possono vedersi accreditare i rimborsi previsti per acquisti e regali effettuati in occasione delle feste.

Hanno forse avuto ragione, dunque, alcuni paesini che, prevedendo ciò, avevano messo in piedi un cashback locale e si preparano a replicarlo in primavera? Vediamoci chiaro con l’aiuto degli Esperti di ProiezionidiBorsa.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
XW 6.0, lo smartwatch di ultima generazione ad un prezzo incredibile.

SCOPRI DI PIU’

Smartwatch

Cashback, dilaga la protesta sulle transazioni sparite ma ecco cosa fare

Cosa succede se la app IO non ha funzionato? Che migliaia di transazioni elettroniche non vengono registrate. In questo modo gli utenti non sono riusciti a raggiungere la soglia minima delle dieci transazioni richieste per poter accedere al rimborso. Ovviamente le transazioni in oggetto ci sono state e gli utenti conservano tanto di ricevuta.

Se la regolarizzazione attesa non arriva

Cashback, dilaga la protesta sulle transazioni sparite ma ecco cosa fare. I centralini di “Consumerismo no profit”, associazione di consumatori specializzata in tecnologia, sono stati assaltati da migliaia di telefonate. L’app IO aveva informato tutti gli scritti di attendere il 10 gennaio per vedere i pagamenti correttamente registrati nel proprio profilo in piattaforma.

Ma il termine è scaduto e le operazioni risultano ancora non memorizzate. Altri denunciano, invece, che nonostante alcuni acquisti fossero stati effettuati in date diverse presso gli stessi esercizi commerciali, alcuni sono stati registrati e altri no.

E ora a chi bisogna rivolgersi

Per ora, suggeriscono da “Consumerismo no profit”, ci si può soltanto rivolgere all’assistenza di pagoPA. È il servizio al quale si rivolgono anche coloro che non sono riusciti a pagare il bollo auto online. Si può scrivere una mail a questo indirizzo: helpdesk@pagopa.it. Oppure usare l’assistenza telefonica. Naturalmente, bisogna tenere a portata di mano tutta la documentazione da allegare che comprovi l’acquisto di un bene e la corretta procedura di registrazione sull’applicazione IO.

 

Consigliati per te