Brutte notizie per chi ha stipulato queste assicurazioni

Fare acquisti online ormai è all’ordine del giorno e durante il periodo di pandemia per tanti era diventato anche un motivo di svago. Pertanto acquistare online qualsiasi prodotto dall’abbigliamento ai mobili per molti di noi ormai è un’abitudine quotidiana. Tuttavia cadere nella rete dei truffatori può diventare piuttosto semplice se non si prestano le dovute accortezze. Soprattutto quando ci si lascia ingannare da prezzi troppo bassi per il prodotto in vendita. Questo purtroppo potrebbe accadere anche quando si sta cercando una polizza assicurativa conveniente. Queste truffe sono sempre più numerose e sempre più utenti ci cascano in virtù di offerte allettanti.

Per questo è fondamentale prima di imbattersi nella stipula di un contratto che poi potrebbe risultare inesistente adottare le opportune cautele. A tal proposito l’Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazione (IVASS) avvisa gli utenti di prestare attenzione alle truffe online. Ciò in quanto sono in aumento i casi di R.C. auto temporanee false, proposte online da siti irregolari.

Come capire se ci si trova innanzi ad un tentativo di truffa

Innanzitutto prima di effettuare il pagamento del premio è opportuno verificare che i preventivi e i contratti siano riferibili ad imprese ed intermediari regolarmente autorizzati. A tal fine si potrà consultare il sito ufficiale e controllare gli elenchi delle imprese italiane ed estere ammesse ad operare in Italia. Nonché il Registro unico degli intermediari assicurativi (RUI) e l’elenco degli intermediari dell’Unione Europea. Inoltre l’IVASS puntualmente pubblica avvisi e comunicati relativi a casi di contraffazione e a siti internet non conformi. Infatti col recentissimo comunicato del 14 settembre l’Istituto segnala ben 12 siti irregolari. Arrivano pertanto brutte notizie per chi ha stipulato questi contratti assicurativi, in quanto le polizze ricevute sono false. Conseguentemente i relativi veicoli non sono assicurati e si rischia un’ingente multa per mancanza di copertura assicurativa. Ovvero una sanzione pecuniaria da 866 euro a 3.464,00 euro oltre all’eventuale sequestro del veicolo.

Brutte notizie per chi ha stipulato queste assicurazioni

L’IVASS pertanto con il suddetto comunicato invita ad adottare prudenza nel valutare le offerte assicurative a mezzo internet o telefono anche mediante WhatsApp. In particolar modo se le offerte si riferiscono a polizze di durata temporanea. I 12 siti risultati irregolari indicati dall’IVASS sarebbero:

  • https://www.assicurala-facile.it;
  • https://www.assicurazionibrema.net;
  • https://www.assicurazionibrema.org;
  • https://www.assileo-broker.it;
  • colizzassicurazioni.it;
  • https://www.gaspoassicurazioni.it;
  • realyassicurazioni.com;
  • https://www.rinnova-sicurbene.com;
  • https://santonastasebroker.com;
  • https://www.star-broker.it;
  • https://tullo-broker.com;
  • visone-rca.it.

L’IVASS inoltre nel comunicato evidenzia di prestare attenzione anche alle modalità di pagamento richieste. Infatti i pagamenti dei premi effettuati a favore di carte di credito ricaricabili o prepagate sono irregolari. Allo stesso modo lo sono i pagamenti effettuati a favore di persone o società non iscritte negli appositi elenchi. Inoltre, i siti internet o i profili Facebook degli intermediari che svolgono attività online devono indicare sempre tutti i dati identificativi dell’intermediario. Per qualsiasi dubbio, come si legge nel comunicato i consumatori potranno chiedere informazioni al Contact Center dell’IVASS chiamando il numero verde 800 486661.

Lettura consigliata

Le cose da fare subito per avere il pagamento dall’assicurazione

Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»)

Consigliati per te