L’IVASS raccomanda di controllare la polizza: per le RCA meglio non rischiare sanzioni fino a 3.471 euro

La Redazione di Proiezionidiborsa da sempre attenta alla salvaguardia dei diritti e degli interessi dei Lettori, oggi illustra l’ultima raccomandazione dell’IVASS del 22 gennaio. Infatti, l’IVASS raccomanda di controllare la polizza: per le RCA meglio non rischiare sanzioni fino a 3.471 euro. Purtroppo può accadere anche questo, ossia di trovarsi a stipulare una polizza che risulta contraffatta. Può capitare di incappare in un broker falso, o di farsi attirare dalla pubblicità di qualche falsa agenzia, o, navigando online, affidarsi a qualche sito “sospetto”.

La Guardia di Finanza ha provveduto alla chiusura di numerosi siti che vendevano false polizze. Proprio qualche giorno fa, il 19 gennaio, l’IVASS ha segnalato la presenza di 6 siti irregolari e il 22 gennaio la commercializzazione di polizze contraffatte. Purtroppo la maggior parte delle volte, si scopre di essere caduti nella rete del truffatore solo in caso di incidente. Attenzione, perché circolare con polizza contraffatta equivale alla circolazione senza assicurazione, ed i rischi correlati sono gravi e notevoli.

L’IVASS raccomanda di controllare la polizza: per le RCA meglio non rischiare sanzioni fino a 3.471 euro

Circolare con una polizza contraffatta è come circolare privi di copertura assicurativa. E oltre alle sanzioni pecuniarie, rischiamo il sequestro del veicolo. Ai sensi dell’art. 193 del Codice della Strada, è vietato circolare senza copertura assicurativa, rischiando una sanzione da euro 868 ad euro 3.471, oltre al sequestro del veicolo.

Pertanto è bene tutelarsi, ma in che modo? È necessario, prima di procedere al pagamento, verificare che i preventivi e i contratti si riferiscano ad imprese e intermediari regolarmente autorizzati. Lo si può fare consultando sul sito dell’IVASS:

  • gli elenchi delle imprese, italiane ed estere, ammesse ad operare in Italia;
  • il Registro Unico degli Intermediari assicurativi, Elenco degli Intermediari nell’Unione Europea;
  • elenco degli avvisi relativi ai casi di contraffazione, società non autorizzate e siti internet non conformi alla disciplina sull’intermediazione.

Si ricorda, infine, che sono irregolari i pagamenti dei premi eseguiti a favore di carte di credito ricaricabili.

Ma in pratica cosa fare?

Dal sito del Ministero delle Infrastrutture e trasporti, si può accedere al sito tematico “Portale dell’automobilista”. Cliccare, poi, su verifica copertura assicurativa e inserire i dati del veicolo. Pertanto, il consiglio è di non lasciarsi incantare, ma di verificare sempre. Meglio pagare qualcosa in più ma circolare in tranquillità e in sicurezza, che rischiare di cadere vittime di una truffa e ritrovarsi anche multati.

Nel caso in cui ci si accorga di essere stati truffati, la Redazione consiglia di contattare immediatamente le forze dell’ordine, o nel caso di truffa online, la polizia postale. Pertanto occhio, i rischi sono davvero notevoli. L’Istituto di Sorveglianza sulle assicurazioni, ha messo a disposizione un Contact Server da contattare al numero verde 800 486661 per avere informazioni in merito. Diamo retta, quindi, all’IVASS che raccomanda di controllare la polizza: per le RCA meglio non rischiare sanzioni fino a 3.471 euro.

 

Approfondimento

Aiuti alle famiglie con ISEE fino a 30.000 euro che valgono un assegno per l’acquisto di auto

Consigliati per te