Attenzione a questa pericolosa truffa che collegandoci ad un falso INPS o banca Intesa Sanpaolo, prosciuga velocemente il conto 

Tutti quanti noi possediamo un cellulare o anche un computer. Sono degli strumenti molto utili oggigiorno.  Ci permettono di collegarci gratuitamente con tante persone. Inoltre sono degli strumenti multimediali per cui oltre al telefono gestiscono foto e video e tanto altro.

La tecnologia fa dei passi da gigante e perfeziona questi strumenti di anno in anno. Un aiuto molto valido è stata l’aggiunta a cellulari e computer delle connessioni Bluetooth. Bisogna pensare che fino qualche anno fa vi era il problema dei cavi. Tutto ciò che si collegava al computer aveva bisogno di un cavo e di una porta d’ingresso. Invece con le connessioni senza fili, molti cavi sono scomparsi.

Così se prima si vedevano persone con il cellulare attaccato all’orecchio per telefonare, ora non più. Grazie alle connessioni wireless, bastano gli auricolari senza fili. Si potrà così passeggiare con le mani libere e nello stesso tempo parlare al telefono. Tuttavia le cuffiette Bluetooth nascondono un pericolo. Potrebbero essere infatti intercettate da qualche malintenzionato.

Così il mondo della comunicazione, pur essendosi evoluto moltissimo, allo stesso tempo si è complicato di più. Ci sono infatti diversi virus che circolano in internet e possono infettare computer e cellulari. Gli scopi di chi spia attraverso i virus sono sempre legati al denaro. Si cerca cioè di rubare informazioni importanti, per poter poi accedere ai conti bancari.

Attenzione a questa pericolosa truffa che collegandoci ad un falso INPS o banca Intesa Sanpaolo, prosciuga velocemente il conto

Ci si potrebbe chiedere ma come si fanno a rubare queste informazioni che sono anche segrete. Ebbene la risposta è semplice. Siamo stessi noi che in buona fede gliele forniamo. Naturalmente questi pirati cercano di confonderci e di imbrogliarci. Ci fanno credere cioè di essere in comunicazione con delle persone della banca. A queste persone noi forniamo i nostri dati sensibili, cioè le nostre informazioni personali e quelle legate ai codici bancari.

I malfattori della rete utilizzano diversi sistemi per fare questo. Il più sicuro è telefonare facendo credere di essere delle persone della stessa banca o dell’INPS. Poi si cerca di convincere la persona ad aderire a qualche iniziativa. E infine si domanda loro di collegarsi ad un sito oppure di scaricare un’applicazione sul proprio cellulare. In effetti è quest’ultimo l’aspetto più importante. Scaricando questa applicazione o collegandosi a questo sito si consegna il proprio cellulare nelle mani del nemico.

Un pericoloso virus

È proprio quello che sta capitando con i cellulari Android, perciò attenzione a questa pericolosa truffa. C’è gente che invia mail o fa scaricare false applicazioni, a nome dell’INPS e della banca Intesa Sanpaolo. Queste nascondono il pericoloso trojan Coper, un’evoluzione più potente di un virus ben noto.

Questo virus ha la capacità di prendere il controllo totale del cellulare. Per questo motivo è molto pericoloso. La soluzione nei casi di phishing come questo è la seguente. Le banche o l’INPS non inviano link tramite mail, su cui collegarsi o scaricare applicazioni. Nei casi di dubbio conviene rivolgersi sempre alla Polizia Postale.

Approfondimento

Se il cellulare si surriscalda, si scarica velocemente o rallenta potrebbe nascondere questo brutto problema

Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»)

Consigliati per te