Allarme coronavirus oggi in Italia, quasi 3.000 contagi in un solo giorno e paura in Campania

coronavirus

Quasi 3.000 contagi in un solo giorno e paura in Campania. Allarme coronavirus oggi in Italia, in quanto i contagi rilevati sono stati per la precisione ben 2.844. Sono infatti i casi di positività al Covid-19 in un solo giorno in accordo con l’ultimo bollettino.

Da cui è emerso pure che è la Campania la regione capofila. Con 401 casi di positività ai tamponi. Una situazione preoccupante in Campania che ha portato nei giorni scorsi il presidente Vincenzo De Luca a dichiarare cosa? Di essere pronto a chiudere tutto se la curva del contagio dovesse continuare a salire.

Allarme coronavirus oggi in Italia, ma ci sono pure due regioni a zero contagi

Dal bollettino odierno è pure emerso questo. Che nelle ultime 24 ore i decessi con o per il coronavirus sono stati 27. Mentre il numero dei tamponi giornalieri, a quota 118.932, è in lieve calo. Rispetto ai 120.301 della vigilia.

Dopo la Campania, il maggior numero di casi di contagio, con 393, si registra nella regione Lombardia. E poi a seguire il Piemonte con 279, il Veneto con 276 ed il Lazio 261. In mezzo a tante brutte notizie da segnalare zero contagi oggi in due regioni italiane. Nelle ultime 24 ore. Ovverosia in Valle d’Aosta e nella regione Molise.

Indice dei contenuti

Il Governo italiano esclude un nuovo lockdown, ma c’è attesa per il prossimo dpcm

Allarme coronavirus oggi in Italia, quasi 3.000 contagi in un solo giorno e paura in Campania. Mentre il governo italiano, nonostante tutto, continua a confermare che l’Italia non rischia un nuovo lockdown generalizzato. In ogni caso la risalita dei contagi porterà il Governo Conte II a prorogare lo stato di emergenza. Così come con il prossimo dpcm è probabile il ripristino di restrizioni su tutto il territorio. A partire dalle limitazioni sul numero di spettatori che sono ammessi per gli eventi all’aperto. Ed anche e soprattutto per gli eventi al chiuso.

Intanto alcune regioni si sono già mosse. Come il Lazio e la regione Basilicata. Dove anche all’aperto scattano le ordinanze. Quelle per ripristinare l’obbligo di indossare la mascherina. Chi non lo fa sarà multato. E comunque sono esentati dall’obbligo i bambini di età inferiore ai 6 anni. Esenzione pure per chi svolge attività motoria. E per i disabili con incompatibilità all’uso del dispositivo di protezione.

Consigliati per te