Addio per sempre al PIN INPS ma con importanti novità per i servizi online

Gli esperti di ProiezionidiBorsa, quest’oggi, informano i Lettori della nuova possibilità offerta dall’INPS a numerosi cittadini, che hanno difficoltà ad utilizzare autonomamente i servizi online. In particolare arriva l’addio per sempre al PIN INPS ma con importanti novità per i servizi online a partire da oggi 16 agosto. Infatti, l’INPS, con la circolare n.127/2021 conferma la dismissione del PIN dal 30.09.2021 per l’esclusivo utilizzo di CIE, SPID e CNS, ma con modifiche d’accesso. Ovvero, i cittadini con difficoltà, a partire del 16 agosto, potranno delegare persone di loro fiducia ad esercitare i loro diritti verso l’INPS.

In particolare si tratta della cosiddetta delega dell’identità digitale. Ogni cittadino, impossibilitato ad utilizzare autonomamente i servizi online, può delegare una persona di fiducia che lo rappresenti nell’esercizio dei suoi diritti verso l’INPS. Anche amministratori di sostegno, esercenti la potestà genitoriale, tutori e curatori per agire nell’interesse dei loro rappresentati, dovranno richiedere la registrazione della delega. Ciò proprio in virtù della disattivazione definitiva del PIN a partire dal 30 settembre.

Prestiti 2022

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 5051 - 6566+

Clicca sull'età

Prestiti 2022

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 50

51 - 65

66+

Clicca sull'età

Come richiedere la delega

Il delegante potrà richiedere direttamente la delega presso qualsiasi sede territoriale dell’Istituto. Basterà presentare il modulo di richiesta registrazione della delega dell’identità digitale scaricabile dall’INPS e copia di un suo documento di riconoscimento.

Invece, per quanto riguarda i soggetti allettati o impossibilitati per motivi di salute, potrà essere il delegato a fare la richiesta di registrazione della delega. Quest’ultimo dovrà presentare lo specifico modulo di richiesta per chi è impossibilitato, l’attestazione del medico del SSN attestante l’impossibilità e documento d’identità originale del delegante.

I tutori, curatori e amministratori di sostegno, dovranno autocertificare la propria rappresentanza legale o la relativa documentazione. Inoltre dovranno presentare il modulo di richiesta ad hoc, copia del documento di riconoscimento proprio e del delegante, autocertificazione o copia del provvedimento del giudice.

Gli esercenti la patria potestà dovranno presentare il modulo di richiesta specifico per i tutori, copia del proprio documento d’identità e autocertificazione attestante la potestà.

Addio per sempre al PIN INPS ma con importanti novità per i servizi online

Il delegato potrà in tal modo accedere ai servizi per conto del suo rappresentato, autenticandosi con le proprie credenziali. Inoltre con la delega registrata si potranno anche effettuare richieste presso gli sportelli, previa esibizione del documento d’identità. Il delegante potrà anche indicare un termine per la validità della delega, in mancanza sarà valida a tempo indeterminato. Ovviamente il delegante, potrà revocarla in ogni momento, ad esclusione di chi è soggetto a curatela, tutela e amministrazione di sostegno. Ad ogni modo tutte le attività svolte per il delegante rimangono tracciate.

Infine ogni cittadino può delegare una sola persona, che a sua volta potrà avere al massimo 5 deleghe. A eccezione dei curatori, tutori e amministratori di sostegno.

Approfondimento

Pochi sanno che in dispensa potrebbero avere un potente antiossidante capace di aiutare a contrastare il cancro

Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»)

Consigliati per te