Abbiamo sempre sbagliato il modo di lavarli ma ecco il metodo giusto dei professionisti per avere pavimenti puliti e igienizzati in metà tempo

Molti di noi utilizzano il mop o mocio per lavare i pavimenti ed è innegabile che sia molto comodo. Ce ne sono ormai di  infinite varianti: da quelli in cotone a quelli in microfibra fino a quelli rotanti.

I professionisti dell’igiene, però, utilizzano il mop in maniera completamente diversa da quanto facciamo noi tutti nelle nostre case. Infatti abbiamo sempre sbagliato il modo di lavarli ma ecco il metodo giusto dei professionisti per avere pavimenti puliti e igienizzati in metà tempo.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Spirulina FIT, il nuovo integratore che fa perdere peso in pochi giorni

SCOPRI IL PREZZO

Spirulina

Molti di noi avranno notato che il mocio, già dopo il primo risciacquo, lascia aloni ma cambiare l’acqua ad ogni strizzatura è davvero impossibile.

Ecco il trucco che utilizzano coloro che puliscono per professione e le imprese di pulizia.

Abbiamo sempre sbagliato il modo di lavarli ma ecco il metodo giusto dei professionisti per avere pavimenti puliti e igienizzati in metà tempo

Il trucco è utilizzare due secchi per il mop o i nuovi secchi a due vasche.

Dopo aver immerso il mocio la prima volta nel secchio per sciacquarlo e ricaricarlo di acqua e detersivo già non avremo più acqua pulita!

Fondamentale, poi, è anche la doppia strizzatura.

Ecco come procedere. Mettiamo in due secchi acqua con il detersivo.

Immergiamo il mocio nel “secchio A” e iniziamo a passarlo sul pavimento. Quando notiamo che si sta asciugando immergiamo nel “secchio B” dove l’acqua diventerà acqua di risciacquo, quindi non propriamente cristallina. A questo punto strizziamo.

Immergiamo nell’acqua pulita del “secchio A” e riforniamo di detersivo. Strizziamo ancora.

All’inizio sembrerà un po’laborioso, ma questo metodo usato dal personale specializzato arriva a fare risparmiare quasi il 40% di tempo avendo pavimenti puliti e igienizzati.

Angoli e i battiscopa

Altro problema sono poi gli angoli e i battiscopa. Se dobbiamo sempre ritornare in seconda battuta a pulire gli angoli o notiamo battiscopa sporchi da ripassare, forse abbiamo sbagliato a usare il mop.

Lo sporco viene portato dall’esterno negli ambienti domestici e i professionisti ci dicono che i punti più sporchi sono proprio quelli centrali. Ad esempio, in un corridoio, le zone sporche sono quelle tipiche del calpestio. Ai lati è proprio il mocio a portare polvere e sporco.

Quale metodo utilizzare allora? Dobbiamo eseguire questa traiettoria quando entriamo in una stanza.

Percorriamo tutto il perimetro della stanza vicino ai battiscopa, poi procedendo dal punto più distante dell’uscita verso quest’ultima, indietreggiamo formando delle “S”. In questo modo non getteremo gocce di sporco sui lati.

Consigliati per te