3 small cap sottovalutate pronte a ripartire al rialzo

Piazza Affari

Quando tutto remava contro il rialzo dei mercati, in un paio di giorni, la tendenza ha cambiato polarità portandosi al rialzo. Il ribasso è finito oppure quello degli ultimi 2 giorni è stato un falso segnale? Le probabilità ci dicono che ci sono tante condizioni per assistere a ulteriori rialzi a Piazza Affari e per gli altri mercati internazionali.

Come approfittare di questa situazione? Quale strategia applicare con risk reward a favore? Oggi, il nostro Ufficio Studi consiglia 3 small cap sottovalutate pronte a ripartire al rialzo.

Se la nostra view è corretta, e i mercati hanno realmente lasciato indietro i recenti minimi, da ora si potrebbe salire di diversi punti percentuali fino al 5 ottobre e poi, fra alti e bassi, fino alla metà del mese di dicembre.

3 small cap sottovalutate pronte a ripartire al rialzo

I nostri Trading System hanno scelto Indel B, Piovan  (MIL:PVN) e Vincenzo Zucchi.

Indel B, ultimo prezzo a 27,30. Fino a quando non si assisterà ad una chiusura settimanale inferiore a 25,50, i prezzi potrebbero continuare a salire in poche settimane verso l’area di 29,50/32,20. Nel breve, un primo indizio ribassista si avrebbe con una chiusura giornaliera inferiore a 25,70. Fair value stimato dal nostro Ufficio Studi a 50 euro per azione.

Piovan, ultimo prezzo a 9,14. Fino a quando non si assisterà ad una chiusura settimanale inferiore a 8,58, i prezzi potrebbero continuare a salire in poche settimane verso l’area di 10,50/11,20. Nel breve, un primo indizio ribassista si avrebbe con una chiusura giornaliera inferiore a 8,88. Fair value stimato dal nostro Ufficio Studi a 20 euro per azione. Abbiamo alzato il target dal precedente giudizio in area 12 euro.

Vincenzo Zucchi, ultimo prezzo a 2,19. Fino a quando non si assisterà ad una chiusura settimanale inferiore a 2,05, i prezzi potrebbero continuare a salire in poche settimane verso l’area di 2,45/2,62. Nel breve, un primo indizio ribassista si avrebbe con una chiusura giornaliera inferiore a 2,13. Fair value stimato dal nostro Ufficio Studi a 2,80 euro per azione.

Si invita a leggere attentamente le Avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»

Consigliati per te