3 segreti straordinari e mai svelati per impedire alle piante di morire

piante

Il bello di questo autunno che sembra quasi una primavera è anche nel vedere le nostre piante sempre belle e vivaci. Anche per coloro che hanno dei semplici vasi di fiori sul balcone, ritrovarsi con delle piante ancora vive a novembre è davvero strano. Solitamente in questo periodo dell’anno saremmo impegnati nella ricerca di tutti i segreti per cercare di far vivere le nostre piante anche col freddo. Il classico telo di nylon bucherellato e da posizionare alla base della pianta perché si crei un microclima ideale soprattutto nelle zone molto fredde.

Sistema della nonna, o meglio del nonno che si occupa dell’orto, ma che non è l’unico per provare ad impedire che le nostre piante muoiano con l’arrivo delle gelate. Errori che i nostri nonni non commetterebbero nemmeno nella gestione del prato di casa. Ecco allora che andremo a vedere qualche suggerimento diverso dal solito per far sì di ritrovarci con le stesse piante anche in primavera. 3 segreti straordinari e mai svelati per impedire alle piante di morire a causa del generale inverno.

Proteggere le piante e le loro radici dal freddo invernale

Un sistema davvero antico e sempre efficace è rappresentato dalla cosiddetta pacciamatura. Azione molto semplice che prevede di creare uno o più strati di materiale in grado di proteggere le radici e la pianta dal gelo e dalla morte. Potremmo fare uno strato anche semplicemente con dei cumuli di foglie secche, della paglia, qualche pezzo di corteccia e magari con del terriccio che protegga dal gelo. Non facciamoci tradire dalle belle giornate di sole, perché alcune piante come la mimosa, andrebbero già protette e conservate con questi sistemi.

Come creare delle micro-serre per difendere i vegetali

Se abbiamo la fortuna di avere vicino a casa un consorzio agrario o un vivaio ben fornito, troveremo anche delle piccole serre. E non ci riferiamo per forza a quelle classiche che assomigliano a dei piccoli armadietti ma anche a quelle più moderne. Alcune addirittura che si richiudono come un ombrello o una porta a soffietto, ideali per coprire soprattutto piante di piccole dimensioni. Nella maggior parte dei casi si fisseranno a terra come facevamo quando eravamo boyscout con le tende da campeggio. Attraverso dei semplici picchetti, utili a proteggere la pianta anche nel caso in cui soffiasse un vento forte in grado di spostare la nostra piccola serra.

3 segreti straordinari e mai svelati per impedire che il freddo sia un killer

Se siamo abbonati al quotidiano locale o a qualche rivista sportiva, ricordiamoci di tenere da parte un po’ di carta. Va bene conferire nella raccolta differenziata per salvare le piante del pianeta, ma con la carta potremmo salvare anche le nostre piante. Con un sistema molto semplice che prevede di avvolgere anche i vasi che abbiamo sul bancone all’interno dei fogli del quotidiano. Magari mettendo in mezzo della paglia, come abbiamo visto sopra, o anche dei vecchi stracci.

Ricordiamoci inoltre che se le piante rimangono fuori, amano comunque la luce del sole anche d’inverno. Quindi non facciamo l’errore di coprirle e spostarle in zone riparate sì dal freddo, ma anche dal sole. Allo stesso modo se decidiamo di farle rientrare in casa, il loro habitat naturale si colloca vicino alle finestre, ma lontane dalle fonti di calore come potrebbero essere i caloriferi. A proposito di piante e fiori da ricordare per la loro bellezza, non dimentichiamo già un’idea per la prossima primavera.

Si invita a leggere attentamente le Avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»

Consigliati per te