3 lavori da remoto per guadagnare soldi e vivere in vacanza viaggiando tutto l’anno come un nomade digitale

Gli ultimi difficili anni segnati dalla pandemia hanno lasciato dietro di sé una scia di sfiducia e tristezza. Purtroppo, molte attività, soprattutto per quanto riguarda le piccole e medie imprese, hanno sofferto per le restrizioni. A fronte di casi in cui l’imprenditore ha saputo resistere alla crisi, con grossi sforzi e capacità di adattamento, molti negozi e piccole realtà cittadine sono stati costretti a dichiarare fallimento. Tuttavia, la pandemia non solo ha cambiato i consumi, ma anche il modo di concepire il lavoro. Così sono incrementati shop e servizi online, capaci di sopperire all’impossibilità di uscire di casa. Con lo sviluppo e l’affermazione del cosiddetto smart working, sono emerse tutte le potenzialità della rete, dove è facile trovare questi 3 lavori da remoto per guadagnare soldi.

A proposito di pandemia e restrizioni, il comparto turistico sta vivendo una nuova fioritura dovuta all’incremento della voglia di viaggiare nuovamente. L’idea del nomadismo digitale piace a tanti, per diversi motivi. Il fatto di non avere l’obbligo di presentarsi in un ufficio per molti è già un sollievo. Inoltre la flessibilità oraria, che la maggior parte di questi mestieri garantisce, permette di pensare diversamente il proprio tempo libero. E, soprattutto, di lavorare viaggiando. Il Mondo ormai è perfettamente interconnesso. È sufficiente disporre di una linea internet e avere una buona autonomia gestionale. In questo modo è possibile lavorare, guadagnare e spostarsi, godendosi una vita ricca di esperienze nella sua pienezza. Non da ultimo, il nomadismo digitale consente di vedere luoghi fiabeschi e meravigliosi, specie se si è dotati di un mezzo come il camper.

3 lavori da remoto per guadagnare soldi e vivere in vacanza viaggiando tutto l’anno come un nomade digitale

Per iniziare ad approcciare il mondo del lavoro da remoto, senza avere delle competenze specifiche in campo informatico, si può cercare impiego come assistente virtuale. Si tratta di una figura professionale che ancora non ha preso piede in Italia, per questo rappresenta uno spunto innovativo. Meglio ancora se si conoscono altre lingue, perché le aziende estere offrono ottimi compensi e una buona formazione. Cos’è un assistente virtuale? È un segretario o una segretaria in grado di svolgere le mansioni tipicamente relegate agli uffici, dalla cura del cliente all’archiviazione digitale di documenti.

Un’altra opzione allettante per chi ha dimestichezza con i software di grafica o ha in tasca un diploma da designer è proporre online i propri servizi. Sia con un sito e delle pagine social dedicate sia facendosi assumere o firmando contratti di collaborazione. In quest’ultimo caso sarebbe consigliabile aprirsi una partita IVA, in modo da poter soddisfare diversi committenti e non restare mai a corto di proposte.

Le persone estremamente socievoli, amanti del linguaggio e della fotografia, possono tranquillamente misurarsi col marketing digitale. Sempre più aziende hanno la necessità di sponsorizzare i propri servizi attraverso delle vetrine social. Le figure in grado di implementare visualizzazioni e interazioni sono molto ricercate e ben pagate. Se si possiede un ottimo know how non è neppure il caso di vantare una laurea nel campo. È sufficiente un portfolio accattivante, la partita IVA e tanto spirito di iniziativa. Sono professioni che consentono di acquisire competenze sempre nuove, adatte a chi ha un animo cosmopolita.

Lettura consigliata

Ecco come cambiare vita acquistando una mini casa su ruote, economica e piena di vantaggi tutti da scoprire, tasse comprese

Consigliati per te