Sul 730 2022 online ci sono queste importanti novità che per la prossima dichiarazione dei redditi non si possono assolutamente ignorare

Per i lavoratori dipendenti e per i pensionati si avvicina l’appuntamento con la dichiarazione dei redditi. E questo considerando anche il fatto che, dal prossimo mese di maggio del 2022, l’Agenzia delle Entrate caricherà online le dichiarazioni dei redditi precompilate dei contribuenti.

Per i dipendenti e per i titolari di assegni INPS, in particolare, il modello di dichiarazione da utilizzare sarà il 730 2022. Un modello per il quale, rispetto alla campagna dichiarativa dello scorso anno, ci sono davvero tante novità che non si possono ignorare. A partire dall’introduzione di alcuni nuovi bonus, e passando per la revisione di alcune detrazioni fiscali e per novità importanti legate pure alle buste paga.

Sul 730 2022 online ci sono queste importanti novità che per la prossima dichiarazione dei redditi non si possono assolutamente ignorare

Nel dettaglio, tra i nuovi bonus che debuttano quest’anno spicca quello sulla musica. Si tratta, nello specifico, della detrazione fiscale, fino ad un importo massimo pari a 1.000 euro, che è fruibile sostenendo le spese per l’iscrizione dei figli, dai 5 ai 18 anni, alle scuole di musica ed ai conservatori. Ma anche per l’iscrizione ai cori e bande musicali a patto che l’ISEE del nucleo familiare non superi la soglia dei 36.000 euro.

Sul 730 2022 online, inoltre, ci sono pure importanti novità per i dipendenti. Ovverosia, per le buste paga dei lavoratori. In quanto nel passaggio dal 2021 al 2022 cambia l’ex bonus Renzi che è rappresentato dal trattamento integrativo fino a 1.200 euro annui. Da quest’anno, infatti, il bonus fino a 100 euro mensili in busta paga sarà riconosciuto solo per i redditi fino a 28.000 euro. E non più anche ai redditi da 28.000 euro e fino ai 40.000 euro.

Da quest’anno sale la soglia di detrazione fiscale per le spese veterinarie

Tra le altre novità, in vista della prossima dichiarazione dei redditi, spiccano pure le detrazioni fiscali che sono ammesse per chi ha animali domestici. Con una franchigia che è pari a 129,11 euro, si potranno portare in detrazione al 19% le spese veterinarie fino ad una soglia massima che è stata innalzata da 500 a 550 euro.

Con l’ISEE non superiore ai 40.000 euro, infine, attenzione pure al bonus prima casa per gli under 36. Ovverosia, all’agevolazione che permette ai giovani, acquistando la prima casa, di portare in detrazione nella dichiarazione dei redditi il credito d’imposta maturato.

Approfondimento

Chi deve fare il 730 2022 all’Agenzia delle Entrate e quali sono invece le esenzioni che permettono di non presentare la dichiarazione dei redditi

Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»)

Consigliati per te