Sembrano comunissime banconote da 20 euro ma valgono una vera fortuna per chi le possiede

I collezionisti vanno pazzi per monete e banconote rare, tanto che sono disposti a pagarle cifre astronomiche. Spesso immaginiamo che una moneta o una banconota rara debbano per forza risalire a decine, se non centinaia di anni fa. La verità è che non è sempre così. Abbiamo già visto come monete e banconote della vecchia lira (quindi risalenti anche a meno di 25 anni fa) possano essere un vero piccolo tesoro. Quello che tanti non sanno è che anche gli euro che tutti i giorni abbiamo in tasca potrebbero valere molto più del loro valore corrente. Alcuni tagli particolari sono, infatti, veri pezzi da collezione.

È il caso, per esempio, di quelle che sembrano comunissime banconote da 20 euro ma valgono una vera fortuna per chi le possiede. Chiunque potrebbe avere nel portafogli queste banconote, differenti dalle altre solo per alcuni piccolissimi dettagli. Questi dettagli, però, le rendono uniche. I collezionisti sono disposti a spendere una fortuna, pur di averle.

Sembrano comunissime banconote da 20 euro ma valgono una vera fortuna per chi le possiede

Molti pensano che tutte le banconote da 20 euro valgano allo stesso modo, ma non è così. Infatti, ci sono in circolazione banconote da 20 euro che ne possono valere fino a 2.000.

Queste banconote da 20 euro sono così rare e preziose perché la Zecca dello Stato ne ha stampate in quantità minima. In origine, infatti, queste banconote erano destinate al Governatore della Banca Centrale Europea e ad altre personalità di alto rango.

Distinguere queste preziose banconote non è semplice, ma nemmeno impossibile. Vediamo di seguito tutti i dettagli a cui fare caso per riconoscerle prima di spenderle come niente fosse.

Come riconoscere le banconote da 20 euro che possono valerne fino a 2.000

Per prima cosa, queste rare banconote da 20 euro presentano un numero di serie di sole quattro cifre, vicino alla filigrana.

In più, è presente la scritta SPECIEM, in diagonale, leggibile dal basso verso l’alto.

Ci sono anche dettagli che influiscono sul valore di queste banconote da 20 euro. Uno di questi è la firma che presentano. La banconota da 20 euro più rara è quella su cui campeggia la firma del banchiere olandese Wim Duisenberg.

Come preannunciato, il valore di queste particolari banconote può oscillare tra i 1.200 e i 2.000 euro. In ogni caso, molto più di quanto credevamo di avere in tasca.

Approfondimento

Poco tempo fa non era una banconota rara ma oggi vale oro per chi l’ha conservata

Consigliati per te