Seguendo questa guida sarà semplice scegliere il condizionatore migliore e più adatto alle proprie esigenze

Si avvicina la stagione estiva e già si teme il caldo bruciante che sta per arrivare. Le temperature si alzano e si comincia a pensare alle sudate degli anni passati, quando in casa non si dormiva bene la notte. Ed è per questo che l’idea di comprare un condizionatore questa volta sembra irrinunciabile. Ma come fare a scegliere il tipo migliore tra tutti quelli disponibili?

Seguendo questa guida sarà semplice scegliere il condizionatore migliore e più adatto alle proprie esigenze.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Spirulina FIT, il nuovo integratore che fa perdere peso in pochi giorni

SCOPRI IL PREZZO

Spirulina

Fisso

Il condizionatore fisso è formato da due parti, una interna detta split che rinfresca l’ambiente ed una esterna che alimenta la prima. In questo caso, servirà uno specialista per installarlo. Sono comunque più silenziosi rispetto ai condizionatori portatili e possono rinfrescare più ambienti.

Il condizionatore fisso può essere di tipo inverter o on/off. Il primo resta sempre acceso e mantiene la temperatura costante. Il secondo è più semplice, e dopo aver portato a temperatura la stanza si spegne, per poi riaccendersi ogni volta che la stanza torna calda. Il fisso con tecnologia on/off costa meno da comprare, ma consuma di più.

Portatile

Il condizionatore portatile è compatto e si può spostare tra le stanze, per cui permette di rinfrescare una stanza alla volta.

Il vantaggio è che non serve uno specialista per l’installazione, ma basta una presa corrente. Come svantaggio, raffredda solo una stanza per volta ed è rumoroso.

Questi condizionatori devono però espellere l’aria calda all’esterno. Quindi, devono essere vicini ad una finestra a cui si è forato il vetro per far passare il tubo.

Nella scelta tra fisso o portatile occorre anche considerare il numero di stanze da rinfrescare. Se ce n’è solo una, basterà un condizionatore portatile, per più stanze servirà un fisso, con una o più unità di split.

Potenza condizionatore

Il BTU/h misura la potenza necessaria per rinfrescare un ambiente all’ora. Per calcolarlo si moltiplica 340 per i metri quadrati dell’ambiente da rinfrescare. In generale, per una stanza da 25 mq servirà un condizionatore da 7.000 BTU/h.

Classe energetica

La scelta del condizionatore dovrebbe sempre ricadere su classi energetiche dalla A in su. Infatti, anche se costa meno comprare una classe energetica più scarsa, questa consumerà ed inquinerà di più. Per cui, alla lunga converrà aver acquistato un condizionatore di classe A o superiore, che mantenga bassi i costi in bolletta.

Concludendo, scegliere il condizionatore migliore e più adatto alle proprie esigenze è semplice seguendo questa semplice guida.

Consigliati per te