Scopriamo perché il quadrifoglio porta fortuna

Anche i meno scaramantici, trovandosi davanti un quadrifoglio, avranno pensato almeno una volta nella vita, magari prima di una prova importante, “ma sì, magari lo prendo, non si sa mai…”. Ci sono poi quelle persone che ne vanno proprio alla ricerca, convinte che quel piccolo “porta fortuna” sarà garanzia di buona sorte.

L’effetto sperato potrebbe essere reale o forse solo un balsamo per le nostre paure, fatto sta che la fama del quadrifoglio ha creato una vera e propria credenza popolare. Ah, ovviamente la sua grandezza sarebbe inversamente proporzionale alla fortuna che porterebbe al privilegiato di turno. Scopriamo insieme, allora, perché il quadrifoglio porta fortuna.

Ma come nasce questa credenza? Scopriamo perché il quadrifoglio porta fortuna

La diversità è ricchezza, e il quadrifoglio ne è la prova. Questa piantina, infatti, è una variante genetica del trifoglio bianco. Diversamente dal trifoglio, nasce con una quarta foglia, più piccolina, ed è molto raro in natura – il rapporto tra trifogli e quadrifogli è di circa 10.000 contro 1. Proprio per quest’ultimo motivo, il quadrifoglio è molto difficile da trovare e quindi molto speciale.

Origine della credenza

La credenza ha origini molto antiche. Risalirebbe addirittura al periodo del Medioevo, quando il “quarto elemento” era considerato quello della fortuna, ovviamente dopo i tre elementi che simboleggiavano la trinità. Inoltre il quadrifoglio sarebbe considerato un porta fortuna anche per il significato simbolico delle sue foglie: speranza, fede, amore puro e l’ultima, la quarta foglia, ovviamente la fortuna.

Non solo un porta fortuna…

Il quadrifoglio, oltre alla buona sorte, assicurerebbe anche una notte e un sonno sereni. Secondo gli antichi Druidi, gli spiriti maligni sarebbero più pericolosi la notte, quando si è indifesi perché dormienti. Posizionare un quadrifoglio tra federa e cuscino garantirebbe, quindi, una protezione contro queste negatività e contro gli incubi.

Il tatuaggio più desiderato

Il quadrifoglio è anche uno dei tatuaggi più in voga tra le persone. In generale è simbolo e augurio di buon auspicio, sia per la persona che se lo tatua sia per gli altri, ma cambia significato a seconda della zona del corpo scelta.

Ad esempio, un quadrifoglio tatuato sulla spalla indica un bisogno di protezione, sul polso è l’augurio che la fortuna sia nelle nostre azioni, mentre sul piede è il simbolo di una fortuna che seguirà i nostri passi. E adesso, chiunque deciderà di tatuarsi questo simbolo, non avrà più problemi a rispondere ai curiosoni che chiederanno “perché il quadrifoglio porta fortuna?”.

Esistono anche “fratelli” del quadrifoglio che hanno ancora più foglie: è entrato nei Guinness World Record una variante di trifoglio con 56 foglie, ritrovato ad Hanamaki, in Giappone, nel maggio del 2009.

Consigliati per te