Scoperto il nuovo oggetto che non permette di riaddormentarsi anche ai più pigri

Svegliarsi presto la mattina a volte è davvero un’impresa. Uscire dalle calde coperte e affrontare la giornata lavorativa o anche di studio non è cosa facile. Purtroppo però è un obbligo a cui non ci si può sottrarre. Capita però di non svegliarsi per tempo rischiando di mandare all’aria i piani della giornata. Ma non si può certo rischiare di fare tardi a lavoro o ad un esame. Se poi si è in partenza e si deve prendere un aereo o un treno le cose peggiorano ancora di più. Magari in questi casi bisogna alzarsi prima che sorga il sole e questo risulta difficile anche per chi è solitamente mattutino. Per fortuna per tutti questi casi è stato scoperto il nuovo oggetto che non permette di riaddormentarsi anche ai più pigri. Basterà uno smartphone ed entra anche in gioco un fattore che forse non ci aspetteremmo mai, la matematica.

Le abbiamo provate tutte

Per trovare il modo migliore e sicuro di svegliarci magari abbiamo già provato molte soluzioni. Mettere una sveglia ogni 5 minuti partendo da mezz’ora prima dell’orario effettivo in cui dovremmo alzarci. Mettere la sveglia o il telefono che funge da tale lontano dal letto. Così che dovremmo per forza muoverci per spegnerla. Ma tendenzialmente il risultato non cambia. Finiamo sempre per rimetterci sotto le coperte e concederci quei famosi 5 minuti. Che poi in realtà si allungano sempre facendoci fare tardi.

La sveglia matematica

Una volta scoperto il nuovo oggetto che non permette di riaddormentarsi anche ai più pigri, tutto questo cambierà. Ma di cosa si tratta? Stiamo parlando di una sveglia che non si spegne finché non sono risolti dei quesiti matematici.

Esistono varie applicazioni con queste funzioni che possiamo scaricare su smartphone e tablet. Una volta scaricata e impostato l’orario si devono compiere 3 passaggi. Decidere il numero di quesiti da dover risolvere per poter disattivare la sveglia. Scegliere il livello di difficoltà dei quesiti e il livello del volume della suoneria. Una volta che sopraggiungerà l’ora stabilità la sveglia inizierà a suonare. Per spegnerla dovremmo risolvere le operazioni matematiche che ci vengono proposte. Ogni volta che si sbaglia ci verrà proposto un altro quesito finché non ne completeremo correttamente il numero che avevamo impostato. Per svolgere le operazione inevitabilmente il nostro cervello e quando avremo finito saremo inevitabilmente svegli.

Ci alzeremo finalmente dal letto e potremo iniziare la giornata al meglio e in tempo. Ora che è stato scoperto il nuovo oggetto che non permette di riaddormentarsi anche ai più pigri, non ci rimetteremo più sotto le coperte.

Consigliati per te