Scade a marzo 2021 la domanda per richiedere questa tutela sul alcune pensioni INPS

In questi giorni giungono alcune novità che interessano la sfera previdenziale e le nuove regole per il 2021. Nel presente articolo il Team di ProiezionidiBorsa illustra cosa prevede la nona salvaguardia per gli esodati che riceverà il sostegno da parte dello Stato.

Cosa prevede la nona salvaguardia per gli esodati

Ha ricevuto l’approvazione dalla Commissione di Bilancio della Camera ed ora si profilano i primi dettagli che riguardano la nona salvaguardia per gli esodati. La manovra si rivolge ai contribuenti che sono usciti dal mondo del lavoro senza ricevere la pensione a causa dell’aumento dell’età conseguente alla Riforma Fornero. Questo è quanto indica un emendamento che contiene la nuova Legge di Bilancio. Il provvedimento si rivolge in maniera specifica a quei soggetti che indica la Legge n. 147/2013. Si tratta di contribuenti che gli ex provvedimenti avevano escluso e che ora riceveranno il diritto alla pensione di vecchiaia o di anzianità. In buona sostanza a tali soggetti si consente di beneficiare dei requisiti previsti nel 2011 per andare oggi in pensione. Scade a marzo 2021 la domanda per richiedere questa tutela sul alcune pensioni INPS che si stima possano coinvolgere un numero di circa 2.400 beneficiari.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Spirulina FIT, il nuovo integratore che fa perdere peso in pochi giorni

SCOPRI IL PREZZO

Spirulina

Quando e come presentare la domanda

In maniera più specifica, la nona salvaguardia si rivolge a: lavoratori con autorizzazione ai contributi volontari; in mobilità; con contratti a termine; in congedo straordinario per assistenza al familiare disabile oppure a coloro che avevano cessato il proprio servizio. Scade a marzo 2021 la domanda per richiedere questa tutela sul alcune pensioni INPS. La presentazione dell’istanza segue il termine di 60 giorni dall’entrata in vigore della Legge di Bilancio. A ciascun interessato si applicano le regole che prevede la specifica salvaguardia. Inoltre, coloro che hanno l’autorizzazione alla contribuzione volontaria potranno presentare l’istanza direttamente all’INPS. Gli altri invece alle specifiche direzioni territoriali del lavoro. Sebbene la salvaguardia rappresenti un importante traguardo per molti interessati, si stima che non tutti gli esodati vi rientreranno. Per ulteriori dettagli sulla presentazione dell’istanza alle direzioni territoriali si attendono indicazione ministeriali più dettagliate.

Approfondimento

Chi vorrà andare in pensione INPS a 63 anni nel 2021 potrà farlo in questa maniera

Consigliati per te