Salviamo le orchidee dal caldo in estate con questo trucchetto a costo zero

Sono molte le persone che possiedono almeno un’orchidea. Le orchidee sono piante all’apparenza molto semplici da curare e, per questo motivo, molto diffuse.

Non sono rare le volte in cui proprio un’orchidea viene regalata per festeggiare diverse occasioni come battesimi, comunioni o lauree.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Aloe Vera Slim, l'integratore naturale che ti fa perdere peso velocemente

SCOPRI IL PREZZO

Aloe Vera Slim

Nonostante sia una pianta che richiede poche cure è importante fornirle le giuste attenzioni per non vederla morire.

In un precedente articolo si era trattato degli errori che spesso si commettono con un’orchidea, errori che la condurranno a morte certa (consultare qui).

Le orchidee sono piante che, in natura, vivono in zone dall’alto tasso di umidità. Nelle nostre case, però, il rischio è quello di fornire loro un ambiente eccessivamente secco che potrebbe danneggiarle.

In questo caso corre in soccorso la nebulizzazione. In molti, però, si chiedono se sia corretto o meno nebulizzare le orchidee.

Salviamo le orchidee dal caldo in estate con questo trucchetto a costo zero

Gli esperti sostengono che la nebulizzazione sia fondamentale per le nostre orchidee sia durante l’estate che nella stagione invernale.

In estate nebulizzare sarà utile per abbassare la temperatura, sarà necessario bagnare anche l’ambiente in cui sono le piante. Infatti, la nebulizzazione abbassa di molto la temperatura e questo è utile alla pianta.

Nel periodo invernale, invece, la nebulizzazione sarà utilissima per aumentare il tasso di umidità messo in pericolo dai riscaldamenti. Sarà sufficiente nebulizzare le foglie ma non il vaso.

Quando nebulizzare

Le piante andranno nebulizzate solamente al mattino e nel primo pomeriggio. La regola da seguire è quella che vedrà tutte le foglie asciutte alla sera.

Durante il periodo estivo, in caso di afa, si consiglia di vaporizzare anche tre volte nel corso della giornata.

È molto importante, però, non bagnare la pianta alla sera. Terminato il processo di fotosintesi, infatti, la pianta non riuscirà più ad assorbire l’acqua e ne patirebbe.

Uno dei risultati negativi di una nebulizzazione serale potrebbero essere il formarsi di marciumi.

Come nebulizzare

Si potrà nebulizzare anche nella parte superiore del substrato che tenderà ad asciugarsi rapidamente rispetto alle radici profonde.

Si potrà procedere quando si noterà che la parte superiore delle radici è asciutta mentre la parte profonda ancora bagnata.

Salviamo, quindi, le orchidee dal caldo in estate con questo trucchetto a costo zero.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo i comportamenti dei nostri lettori nei confronti di utensili presenti in casa o in giardino. Per questo motivo si raccomanda di utilizzare la massima cautela ed attenzione con attrezzi per la casa e il giardino per evitare di creare spiacevoli incidenti. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riportate QUI»)

Consigliati per te