Ritracciamento in arrivo per l’euro nei confronti del dollaro americano?

Ritracciamento in arrivo per l’euro nei confronti del dollaro americano? Questo è lo scenario che sembrerebbe suggerire la settimana appena conclusasi che, non dimentichiamolo, ne segue un’altra l’euro ha cercato di forzare contro il dollaro ma senza riuscirci.

L’ultima settimana di contrattazioni è stata caratterizzata da un andamento a due facce con la prima e ultima seduta a favore dell’euro e le tre centrali a favore della moneta unica europea. A fare da market driver sono stati i dati macroeconomici statunitensi che tra giovedì e venerdì hanno prima portato alle stelle e poi all’inferno il biglietto verde.

Ritracciamento in arrivo per l’euro nei confronti del dollaro americano? Le indicazioni dell’analisi grafica

Il 4 giugno la chiusura del cambio  euro dollaro (FXEURUSD) è stata a 1,2166 in rialzo dello 0,30% rispetto alla seduta  precedente. La settimana, invece, si è conclusa con un ribasso dello 0,21%.

Come si vede dal grafico, per la quinta settimana consecutiva le quotazioni sono rimaste bloccate nei dintorni di area 1,2176. Possiamo, quindi, definire i due estremi al di fuori dei quali una chiusura settimanale potrebbe dare una forte direzionalità alle quotazioni. Al rialzo il livello da monitorare passa per area 1,2288 (II obiettivo di prezzo), mentre al ribasso il supporto passa per area 1,2106.

Per il momento la tendenza in corso sul time frame settimanale è formalmente rialzista, ma lo Swing Indicator in posizione neutrale ci dice che la lateralità sta dominando le ultime settimane e che bisogna prestare molta attenzione.

Sul mensile la chiusura di maggio non ha aggiunto nulla a quanto già sapevamo. L’impostazione è rialzista e verrebbe messa in discussione da una chiusura mensile inferiore a 1,16.

Time frame settimanale

euro dollaro

Le linee oblique rosse rappresentano i livelli di Running Bisector; le linee orizzontali i livelli de La Nuova Legge della Vibrazione. Sulla sinistra è mostrato il volume per ciascun livello di prezzo. Il pannello intermedio riporta il segnale di BottomHunter. Il minimo sul time frame considerato è segnato quando è uguale a 1. Il pannello dei volumi mostra il volume scambiato per ciascuna barra confrontato con una media mobile esponenziale zero lag a 20 periodi. Nel pannello inferiore è mostrato lo Swing Indicator che mostra i segnali al rialzo e al ribasso sullo strumento in questione.

Time frame mensile

euro dollaro

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te