Questi alimenti non potrebbero aiutare ad abbassare la pressione ma sono ideali per portare un altro beneficio

Lo stile di vita è una componente fondamentale nella capacità di prevenire le malattie e disinnescare i fattori di rischio. Lo ribadiscono con grande frequenza i medici. E ci sono diverse indicazioni che raccontano come si può lavorare per il proprio benessere attraverso le proprie abitudini.

Sì, perché a volte la medicina è in grado di indicare delle condotte da seguire che possono anticipare la necessità di terapie farmacologiche o di supportarle.

Per molti versi è il caso di una condizione molto comune come l’ipertensione. Prevenire la pressione alta o conviverci diventa più facile se si ci si alimenta nel modo giusto.

Oggi, al di là di quelli che possono essere i farmaci necessari prescritti da un medico e necessari per certi casi, ci sono molte vie che possono essere seguite.  A patto che, ovviamente, si vada a considerare nello specifico ciò che spiega la scienza. Questi alimenti non potrebbero aiutare ad abbassare la pressione ma, tuttavia, potrebbero essere ideali per un ottenere un altro beneficio.

Potrebbe, ad esempio, essere esagerato dire che i broccoli aiutano ad abbassare la pressione. Questo non esclude il fatto che sembrerebbero comunque avere un ruolo significativo nella possibilità di rappresentare un alleato contro l’ipertensione.

Questi alimenti non potrebbero aiutare ad abbassare la pressione ma sono ideali per portare un altro beneficio

Come spiega sulle sue pagine Humanitas i broccoli garantiscono una buona dose di potassio, favorendo la salute cardiovascolare. Sempre secondo quanto spiega sempre Humanitas, ad oggi, non ci sono prove del fatto che assumere potassio possa aiutare a trattare l’ipertensione.

Questo però non metterebbe in discussione il fatto che siano dei buoni alleati contro il problema. Livelli bassi di potassio sarebbero, infatti, associati a pressione alta e malattie cardiovascolari. Viene segnalato che, invece, un aumento dell’assunzione potrebbe aiutare a ridurre il rischio di “eventi avversari ai danni di cuore e arterie”.  E, a ben pensarci, si tratta delle possibili complicazioni derivanti dall’ipertensione. Quest’ultima non è una malattia vera e propria, ma preoccupa esattamente per le complicazioni che può generare.

I broccoli si fanno apprezzare anche per essere una buona fonte di antiossidanti, vitamina C, vitamina A, vitamina K e vitamine del gruppo B. E non va dimenticato l’apporto di calcio e fosforo. Tutti aspetti che certificano il fatto che si tratti di un buon alimento.

Attenzione, però, perché per ogni alimento è sempre opportuno approfondire il tema con un medico o specialista della nutrizione. Nel caso dei broccoli, ad esempio, sempre Humanitas segnala che sono fonte di goitrogeni e dunque “potenzialmente pericolosi per chi soffre di problemi alla tiroide”.

Lettura consigliata

Non tutti sanno che tra le cause di problemi come difficoltà a digerire, bruciore di stomaco, senso di pesantezza o gonfiore potrebbe esserci un errore risolvibile con pochi semplici rimedi naturali

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te