Quanti soldi del bilancio familiare e depositati sul conto corrente investire nel BTP Futura 2037 e a chi è adatto questo titolo di Stato?

In questa sede la Redazione di ProiezionidiBorsa cercherà di rispondere a due quesiti dei nostri Lettori. L’approssimarsi del collocamento della terza serie del BTP Futura ha scaldato i cuori dei piccoli risparmiatori. I quali vogliono giungere all’appuntamento con tutti i dubbi del caso sciolti e dipanati.

Dunque, quanti soldi del bilancio familiare e depositati sul conto corrente investire sul BTP Futura 2037 e a chi è adatto questo titolo di Stato?

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
XW 6.0, lo smartwatch di ultima generazione ad un prezzo incredibile.

SCOPRI DI PIU’

Smartwatch

Diversificazione sempre

Un primo quesito rimanda a un “dubbio di quantità”, ovvero quanti dei risparmi accumulati sul c/c destinare all’acquisto del bond.

Alcune premesse: il taglio minimo per l’acquisto dell’obbligazione è pari a 1.000 euro e non ci saranno commissioni per chi compera in emissione.

Si tratta di due grandi vantaggi che vanno potenzialmente a beneficio del risparmiatore. L’acquisto infatti sarà fatto a 100, alla pari, e per cui chiunque porterà fino alla sua scadenza non ci sarà nessuna perdita in conto capitale.

Ma quanti soldi del bilancio familiare e depositati sul conto corrente investire sul BTP Futura 2037 e a chi è adatto questo titolo di Stato?

Fatta la premessa, occorre dire che l’asset allocation è strettamente personale e dipende essenzialmente d tre elementi:

a) la nostra propensione al rischio (nulla, medio-bassa o alta?);

b) la nostra propensione al risparmio (funzione sia del reddito che delle nostre esigenze familiari);

c) l’obiettivo del nostro investimento (semplice protezione? crescita? garantirci delle entrate periodiche?);

d) il periodo di tempo per il quale manterremo i nostri soldi impegnati nell’operazione. In questo caso, infatti, il bond ha durata complessiva pari a 16 anni. Tuttavia, lo si potrà rivendere a mercato in qualunque momento successivo e potrà capitare di venderlo in guadagno, a pareggio, ma anche in perdita (sottocento).

Solo ed esclusivamente dopo un’attenta composizione di questi tre elementi si può desumere la “quantità” di soldi da investire nello strumento. In tutti i casi di dubbi, meglio condividere la scelta con il nostro consulente di fiducia.

Infine non dimentichiamo la regola madre: la diversificazione del portafoglio. La cedola infatti non deve esser mai il solo parametro di riferimento e posto a base della scelta.

A chi è adatto questo bond?

Dunque, all’interno della nostra componente obbligazionaria è il caso di inserire una fiche di questo bond?

Tra cedole step-up e premio fedeltà finale, non è escluso che il rendimento medio ponderato lordo si vada ad attestare tra l’1,35% e l’1,65% circa. Ne sapremo di più venerdì della prossima settimana ma al netto del premio fedeltà, che sapremo solo negli anni a venire.

Ora, se un risparmiatore cerca la sola protezione del capitale, il rendimento medio ponderato netto dovrebbe coprirlo fino a un’inflazione dell’1,05-1,35% circa. Molto dipenderà dal premio fedeltà finale (cioè se si collocherà nella parte bassa o alta).

Per chi punta a garantirsi una rendita periodica, gli aspetti da considerare sono la durata dell’investimento e la cedola semestrale. In questo caso a fare molta differenza è la size dell’investimento. Un conto è cedola semestrale su 10mila euro, altro paia di maniche su un investimento da 1 milione di euro.

Dunque, quanti soldi del bilancio familiare e depositati sul conto corrente investire sul BTP Futura 2037 e a chi è adatto questo titolo di Stato?

Chi va alla ricerca della crescita del capitale sicuramente avrà una precisa impostazione del suo portafoglio. Magari studiata e organizzata con il proprio consulente di riferimento.

Tuttavia, anche in questi portafogli non manca la componente obbligazionaria. Sarebbe adatto a costoro un il prossimo BTP Futura? Agli attuali tassi storici, variabili tra il negativo e lo striminzito, perché no.

Al più in caso di futuri rialzi dei tassi o dello spread o dell’inflazione, si andrebbe a vagliare e studiare un possibile switch. Ossia un cambio tra il prodotto posseduto e quello che il mercato andrà allora offrendo.

Ecco dunque illustrato quanti soldi del bilancio familiare e depositati sul conto corrente investire sul BTP Futura 2037 e a chi è adatto questo titolo di Stato. infine, nell’articolo di cui qui il link illustriamo i rischi insiti al prossimo BTP Futura.

Consigliati per te