Posso prelevare contanti da una banca diversa dalla mia o c’è un limite?

Quando ci si trasferisce in un’altra città o si cambia il quartiere di residenza, come fare con i prelievi? Molto spesso può accadere che tra le banche più vicine non ci sia quella presso la quale abbiamo aperto il conto corrente. Questo limita la nostra possibilità di effettuare prelievi di denaro contante o si tratta di una difficoltà superabile?

Perché conviene prelevare presso la propria banca

Quando ci si sposta all’interno o fuori dalla nazione, non è detto che nella zona d’arrivo sia presente una filiale della propria banca. Questo non rappresenta un problema perché è possibile effettuare operazioni allo sportello o all’ATM anche se non si è clienti di quell’istituto bancario. Tuttavia, vi sono degli svantaggi conseguenti ad alcune operazioni effettuate. Uno di questi riguarda proprio il prelievo di denaro contante.

Prestiti 2021

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 5051 - 6566+

Clicca sull'età

Prestiti 2021

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 50

51 - 65

66+

Clicca sull'età

Differenza tra la propria banca ed un’altra banca

Posso prelevare contanti da una banca diversa dalla mia o c’è un limite? Che siate in possesso di una prepagata, una carta di debito o una di credito, la differenza sui balzelli relativi al prelievo è irrilevante. Quando utilizzate una qualsiasi carta magnetica per effettuare un prelievo presso la vostra filiale, solitamente non sono previsti costi di servizio. Quindi l’erogazione avviene in maniera semplice e gratuita. Lo stesso non si verifica se il prelievo avviene presso un altro istituto bancario.

Prelievo sì, ma quanto costa?

La domanda, dunque, ricorre con puntualità: posso prelevare contanti da una banca diversa dalla mia o c’è un limite? La risposta è affermativa ma l’azione di prelievo comporta il pagamento di alcune commissioni che, in paesi esteri, potrebbero anche essere piuttosto elevate. A tal riguardo, è sempre bene fare qualche calcolo prima di precipitarsi ogni giorno a fare prelievi di piccole somme per la spesa. Infatti, in ragione delle commissioni da pagare, spesso conviene programmare i prelievi in maniera da non sborsare parecchi soldi per le commissioni.

A quanto ammonta il costo delle commissioni

L’importo delle commissioni varia tra le diverse banche. Tuttavia, secondo quanto stabilito dalla normativa europea, il valore della commissione non può superare lo 0,3% del valore della transazione stessa. Solitamente, il costo si aggira attorno ad un paio di euro. L’addebito avviene direttamente sul conto corrente al momento del prelievo. Quando effettuate un prelievo presso un altra banca assicuratevi, inoltre, che la banca appartenga allo stesso circuito di pagamento della vostra. Generalmente, i più diffusi sono Mastercard e Visa. Per altri circuiti, il prelievo dovrebbe essere ugualmente possibile ma potrebbe comportare differenti costi.

Consigliati per te