Pochissimi sanno che avere un conto corrente più conveniente è facilissimo grazie a un particolare servizio

Oggi le offerte dei conti correnti a costo zero si moltiplicano. Sicuramente molti clienti di banche hanno un conto corrente più costoso della media e potrebbero risparmiare molto cambiandolo con uno più conveniente. Ma spesso vengono frenati dal disagio delle operazioni da fare e dal cambio dell’IBAN. Ma pochissimi sanno che avere un conto corrente più conveniente è facilissimo grazie a un particolare servizio.

Perché molti non passano a un conto corrente molto più conveniente

I costi elevanti della gestione del conto e la forte concorrenza, spingono sempre più persone a cambiare conto corrente. L’obiettivo è avere costi di gestione più contenuti od ottenere maggiori benefici. Un tempo una banca era quasi per sempre. Oggi, grazie alla tecnologia digitale e alla concorrenza, si apre un conto in 15 minuti da casa. Non solo, lo si può gestire senza mai recarsi a uno sportello.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
XW 6.0, lo smartwatch di ultima generazione ad un prezzo incredibile.

SCOPRI DI PIU’

Smartwatch

Rimane, però, il problema delle utenze appoggiate a quel conto e soprattutto il disagio del cambio IBAN. I disagi che derivano dal cambio dell’IBAN spesso scoraggiano i correntisti a cambiare conto. Ma è davvero necessario cambiare l’IBAN se si cambia conto corrente? E in caso affermativo, si può aggirare la complicazione di modificare tutte le operazioni legate a quel conto corrente? Nelle righe seguenti si potrà trovare la risposta a queste domande.

I segreti del Codice IBAN

L’IBAN è un codice identificativo univoco di un conto corrente. È una specie di codice fiscale. Per ogni conto corrente esiste uno ed un solo IBAN, composto da 27 caratteri alfa numerici. Tra questi vi sono i 5 numeri dell’ABI, che identificano la banca e i 5 numeri del CAB che identificano la succursale. Quindi attualmente è impossibile cambiare banca e mantenere le identiche coordinate bancarie. Ma si può mantenere lo stesso IBAN se si cambia conto corrente all’interno della stessa banca. Ovvero, con la banca si può contrattare un tipo di conto diverso, con condizioni economiche e servizi differenti. In questo caso l’IBAN e il numero di conto rimarranno identici.

Pochissimi sanno che avere un conto corrente più conveniente è facilissimo grazie a un particolare servizio

Ma se si cambia banca è inevitabile cambiare l’IBAN, perché, come abbiamo visto sopra, non esiste ancora la portabilità delle coordinate bancarie. Come evitare la noia di dovere modificare tutte le operazioni legate a quel conto, come accredito di stipendio, pagamento utenze od altro?

In realtà l’aggiornamento delle operazioni legate conto è molto semplice. Richiede solamente un poco di attenzione e di tempo. Chi non volesse fare questa operazione, potrebbe utilizzare il servizio di trasloco conto offerto da molte banche. È un processo automatizzato che permette di trasferire al nuovo conto corrente, con nuovo IBAN, tutte le operazioni periodiche legate al precedente IBAN. Operazione che la banca offre anche se il nuovo conto è di un altro istituto.

Approfondimento

Perché si rischia la chiusura del conto corrente se si hanno troppi soldi in giacenza

Consigliati per te