Pochi mangiano questo legume alleato dell’intestino che favorirebbe la digestione e ridurrebbe i livelli di colesterolo

Le leguminose sono delle piante molto preziose, perché producono dei frutti e dei semi ghiotti e dalle mille proprietà. Nel menù di molti italiani non mancano mai, almeno un paio di volte a settimana.

Sono alimenti altamente sazianti, ricchi di fibre, polifenoli, sali minerali e importanti proprietà nutritive. L’unica pecca potrebbe consistere nella loro difficile digestione. Infatti, spesso gonfiano lo stomaco ed abbiamo bisogno di molte ore prima di assimilarli e smaltirli. Eppure esisterebbero dei trucchetti per evitare queste problematiche. Solitamente sarebbe meglio scegliere le varietà decorticate o in forma di farina.

In alternativa, è importante tenerli ammollo per almeno 12 ore prima di cucinarli, per poi buttare l’acqua e sciacquiamoli più volte nell’acqua corrente. Mentre in cottura potremmo farli bollire, gettare l’acqua e farli nuovamente bollire con altra acqua. Le leguminose più famose e comuni sono: ceci, fagioli, lenticchie, piselli, fagiolini.

Pochi mangiano questo legume alleato dell’intestino che favorirebbe la digestione e ridurrebbe i livelli di colesterolo

Tendiamo ad acquistare e cucinare, più o meno, sempre gli stessi alimenti, anche quando parliamo di leguminose. In realtà, esistono tante altre varietà, che potrebbero donare notevoli benefici.

In Asia e in Egitto, ma anche in Italia, secoli fa, c’era un alimento della famiglia delle leguminose usato per ricostituire il fisico, ma non solo. Si tratta del fieno greco, o Trigonella foenum-graecum, adesso molto popolare anche in India. Ma i suoi possibili benefici non sono soltanto legati al rinvigorimento.

Infatti, pochi mangiano questo legume alleato dell’intestino che favorirebbe la digestione e ridurrebbe i livelli di colesterolo. I suoi semi preziosi, e disponibili tutto l’anno, sono particolarmente ricchi di fibre, per questo utili alla salute del nostro intestino e a facilitare la digestione.

Servirebbero, inoltre, anche combattere la stitichezza, abbasserebbero i livelli di colesterolo nel sangue. Grazie ai sali minerali, come manganese e rame, i semi sarebbero antiossidanti e utili per produrre i globuli rossi.

Come coltivare e mangiare i semi

Generalmente, possiamo seminare il fieno greco in un luogo protetto o a dimora, anche a fine inverno. Basterà interrare i semi a circa 1 cm sotto terra, distanziandoli tra loro a circa 15 cm, dopo pochi giorni noteremo il germoglio. La pianta potrà raggiugere i 50 cm di altezza, in estate invece cresceranno i baccelli, dove all’interno ci saranno i semi commestibili da estrarre.

Possiamo anche acquistare i semi, in negozi specializzati, da gustare in diversi modi. È possibile preparare decotti e infusi, lasciando per una notte i semi ammollo, poi facciamoli bollire con l’acqua e filtriamo il tutto per bere la bevanda. Oppure possiamo gustarli come se fosse una spezia, quindi aggiungendo la polvere in alcune pietanze. In alternativa, potremo anche mangiare i germogli ad insalata o creare creme con i semi cotti.

Approfondimento

La spremuta di stagione antiossidante e ricca di vitamina C che aiuterebbe a ridurre i valori del colesterolo.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te