Perderanno 100 euro a settimana queste famiglie con figli che non inviano la domanda entro il primo luglio anche con ISEE alto

La stagione estiva comincia bene per tante famiglie che non hanno fatto in tempo a presentare la domanda entro il 20 giugno. Talvolta gli impegni lavorativi e le mille faccende da svolgere tra casa e famiglia si possono dimenticare date importanti. Per molti genitori infatti la chiusura delle scuole equivale a notevoli preoccupazioni su come impegnare i figli fino all’arrivo delle ferie. Inoltre, i costi per centri estivi non sono di poco conto, si pensi ai casi in cui i figli minori sono 2 o più. Nonostante le misure di sostegno alla genitorialità, come l’assegno unico, per tanti questo periodo diventa molto difficile da gestire.

Per questo l’INPS come ogni anno pubblica un bando finalizzato a sostenere le famiglie nelle spese necessarie all’iscrizione dei propri figli presso centri estivi. Possono così ottenersi rimborsi per la partecipazione di minori d’età compresa tra i 3 e i 14 anni a centri estivi in Italia. La domanda doveva trasmettersi a partire dalle ore 12,00 del 31 maggio ed entro le ore 12 del 20 giugno 2022. Ma l’INPS ha dato un’altra opportunità alle famiglie con minori dai 3 ai 14 anni concedendo ulteriori giorni per la presentazione.

Prestiti 2022

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 5051 - 6566+

Clicca sull'età

Prestiti 2022

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 50

51 - 65

66+

Clicca sull'età

Perderanno 100 euro a settimana queste famiglie con figli che non inviano la domanda entro il primo luglio anche con ISEE alto

Il bando è per i figli o orfani equiparati dei dipendenti e pensionati della pubblica amministrazione iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali. Nonché dei pensionati utenti della Gestione Dipendenti Pubblici. L’INPS riconosce un contributo calcolato in base alla spesa concretamente sostenuta dal richiedente. L’importo massimo settimanale sarà pari a 100 euro per un massimo di 4 settimane anche non consecutive da giugno fino al 10 settembre. Chi ha un reddito ISEE fino a 8.000 euro riceverà il contributo nella misura del 100% del valore massimo erogabile.  Chi ha un reddito superiore a 56.000 euro o in mancanza di una valida DSU, il contributo sarà pari all’80%.

Mentre per i giovani con una disabilità grave o gravissima il contributo sarà maggiorato di un ulteriore 50%. L’INPS, con un comunicato, ha avvisato della proroga dei termini per la presentazione della domanda. Sarà possibile presentare la domanda dalle ore 12 del 27 giugno alle 24 del 1°luglio 2022. L’INPS poi ricorda che per presentare l’istanza è necessario l’iscrizione da almeno 5 giorni alla banca dati dei servizi di welfare per centri estivi diurni. Pertanto è importante rispondere all’ultima chiamata altrimenti perderanno 100 euro a settimana queste famiglie con figli che non si affretteranno ad inoltrare la domanda.

Approfondimento

Con la Legge 104 oltre al bollo auto e al passaggio di proprietà non si pagano le tasse universitarie

 

Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»)

Consigliati per te